Blue economy Summit 2020, nautica e sport del mare nell'ultima giornata

di Marco Innocenti

Si chiude così la terza edizione della rassegna organizzata dal Comune di Genova

Ultima giornata di lavori per il Blue Economy Summit 2020, la manifestazione organizzata dall’Assessorato allo sviluppo economico portuale e logistico del Comune di Genova. Alla mattina si è parlato di  turismo, comparto fondamentale, duramente colpito dall’emergenza sanitaria e dalle misure di distanziamento e di prevenzione. "Nonostante quello che sta accadendo alle nostre infrastrutture abbiamo fiducia nel domani - ha esordito Laura Gaggero, assessore allo Sviluppo economico turistico e marketing del Comune di Genova in apertura di sessione - Le crociere di prossimità riprenderanno presto, notizia importante per il turismo genovese perché i crocieristi spendono, fanno shopping, diventano dei promotori di Genova. Il 70% consiglierebbe ai famigliari di visitare la città. Il 20% tornerà. Con l’emergenza Covid il Comune in collaborazione con gli operatori economici ha colto l'occasione per rivedere i percorsi e le esperienze da offrire ai flussi turistici”.

Riallacciandosi al discorso crociere, Francesco Di Cesare, presidente di Risposte Turismo, società di ricerca e consulenza, ha ribadito che, se fosse possibile, oggi il 64,3% delle persone che avevano prenotato una crociera nel 2020 tornerebbe a bordo domani. Il 71,1% non ha neanche pensato lontanamente di sostituire questo tipo di vacanza".

"Abbiamo dati ancora più incoraggianti. C'è voglia di crociera e quasi tutti gli ospiti già prenotati hanno posticipato il loro viaggio - ha aggiunto Leonardo Massa, country manager Msc - Speriamo di poter iniziare a operare con qualche unità già da agosto. Nell'inverno opereremo con 14 navi, la prossima estate con 19 navi, due in più rispetto alla nostra flotta attuale". Oggi il Mediterraneo potrebbe diventare un esempio mondiale per la ripartenza delle crociere: "Una best practice rispetto ad altre realtà, alla luce dell'attenzione registrata per questo tipo di turismo rispetto ad altre parti del mondo" ha evidenziato Massa, che resta ottimista.

Un settore il turismo che dovrà quindi affrontare la sfida cercando nuovi percorsi di sviluppo, puntando sulla proposta di esperienze individuali e di piccolo gruppo, sulla programmazione e sulla valorizzazione di tutte le eccellenze del territorio.  "Nel 2021 le Cinque Terre hanno già registrato il tutto esaurito. I turisti vogliono venire - ha sottolineato Pietro Paolo Giampellegrini, commissario straordinario dell'Agenzia di promozione turistica In Liguria - Noi dobbiamo seguire questo filone e fare un programma per i prossimi cinque anni".

Assieme a Roberto Neglia, responsabile dei rapporti istituzionali di Confindustria Nautica, si è poi parlato di numeri e dell’importanza di questo settore per l'economia. "La filiera produce 12 miliardi di valore aggiunto, 183 mila occupati, 21 mila nel turismo nautico e nel charter. Un occupato della cantieristica produce 9 posti lavoro nella filiera e 7 euro di valore aggiunto". La nautica ha riaperto prima di tante attività e oggi il charter nautico è ripartito alla grandissima. "Lavoreranno pieni solo ad agosto però - afferma Neglia - quello che chiediamo al governo non è denaro, ma che le aziende siano messe in condizione di lavorare. La Liguria è uno dei grandi player italiani - conclude Neglia -  tuttavia il tema della raggiungibilità è fondamentale".

Al pomeriggio l’attenzione si è spostata sul tema della cultura nautica mediata dagli sport del mare, dove Genova si appresta a diventare meta privilegiata a livello internazionale, dall’arrivo della Ocean Race nel 2022 fino al 2024, anno di Genova Capitale Europea per gli Sport del Mare e della Pesca.  "Genova sarà sotto i riflettori e farà parlare di sé nel mondo per 9 mesi, stiamo lavorando su sfide  che porteranno benefici alla città. Oltre alle ricadute economiche, avremo anche la valorizzazione degli impianti sportivi che potranno essere sfruttati anche dalle prossime generazioni". Così Paola Bordilli, assessore alle Politiche giovanili e Culturali del Comune di Genova, commentando il valore di Capitale Europea per gli Sport del Mare e della Pesca del 2024.

Anche Ilaria Cavo, assessore alla Formazione e Politiche Giovanili Regione Liguria, ha sottolineato l'importanza del legame sport-mare-città. "Lo sport è un importante fattore attrattivo e formativo, ma anche un'opportunità professionale e occupazionale, non è un caso che all'interno del Salone Nautico ci sia un evento come La Millevele, né che nel salone Orientamenti Summer ci siano eventi che riguardano gli sport di mare".

E' stato un anno difficile, abbiamo dovuto cancellare sei mesi di attività tra cui la tappa genovese delle World Cup Series, valevole per le qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ma alla riapertura la richiesta e la risposta da parte del pubblico, soprattutto i giovani, è stata strepitosa". Così Gerolamo Bianchi, presidente dello Yacht Club Italiano, commentando il difficile periodo dovuto all'epidemia di Covid-19. Il rilancio è atteso già a ottobre, con La Millevele manifestazione organizzata contestualmente al Salone Nautico. "Contiamo comunque di poter rendere La Millevele una vera e propria festa del mare - ha aggiunto Bianchi - invito tutti i proprietari di barche della Liguria a partecipare per rendere questo evento ancora più spettacolare degli altri anni".