Condividi:


Covid, Bassetti: " Anticorpi monoclonali? Non sarà una terapia per tutti"

di Anna Li Vigni

Utili in pazienti immunodepressi, determinano un'immunizzazione “passiva”

L'AIFA ha dato un parere sull'uso sperimentale degli anticorpi monoclonali ma quello che interessa i medici è che questi farmaci possano essere acquistati e utilizzati nella fase iniziale della malattia. "Non sarà una terapia per tutti ma si potranno utilizzare in casi particolari", spiega il prof. Matteo Bassetti. Gli anticorpi che abbiamo nel nostro corpo vengono indotti dalla vaccinazione. Infatti il vaccino è una immunizzazione attiva mentre con gli anticorpi monoclonali l'immunizzazione è passiva. Gli anticorpi monoclonali sono utili negli immunodepressi ed è un aiuto esterno che viene prodotto in laboratorio. L'uso dell'anticorpo monoclonale riduce fino al 70% le ospedalizzazioni e gli eventi morte. Sicuramente una opportunità da cogliere.