Condividi:


Autostrade, Di Maio: “A gennaio prima cosa in agenda è revoca delle concessioni”

di Redazione

Il leader del M5S: "Presunto indennizzo di 23 miliardi? non ha nessuna base legale"

"Vi ricordate quando tutti dicevano che revocare la concessione ad Autostrade ci sarebbe costato almeno 23 miliardi di euro? I Benetton avevano persino inviato una lettera al governo in cui minacciavano la stessa penale. Peccato per loro, però, che sia una enorme sciocchezza, una vera e propria montatura alimentata anche da tv e giornali che pur di screditare il M5S farebbero di tutto". Lo scrive su Fb Luigi Di Maio facendo riferimento alla relazione della Corte dei Conti su Autostrade.

"Nel 2020, una delle prime cose da inserire nella nuova agenda di governo dovrà essere la revoca delle concessioni ad Autostrade, con l'affidamento ad Anas e il conseguente abbassamento dei pedaggi autostradali. Le famiglie delle vittime del Ponte Morandi aspettano una risposta. E noi gliela daremo. Non solo a loro, ma a tutto il Paese". Lo scrive su Fb il leader del M5S Luigi Di Maio.