Atalanta, Gasperini espulso salterà la Sampdoria: "Una cosa assurda"

di Alessandro Bacci

La rabbia del tecnico: "Non ho protestato, non ho detto niente. Perché mi devo far sventolare dei cartellini da dei ragazzini?"

Atalanta, Gasperini espulso salterà la Sampdoria: "Una cosa assurda"

"Perché mi devo far sventolare dei cartellini da dei ragazzini?". Gian Piero Gasperini dalla pancia dello stadio di Bergamo non manda giù l'espulsione al novantesimo in Atalanta-Udinese: "Una cosa assurda".

Non ho una controparte che mi spieghi il perché: c'è stato un fallo di Scalvini su cui ha protestato tutto lo stadio, un'azione nostra, una loro. Questi signori devono metterci la faccia: non ho protestato, non ho detto niente, non ci sono stati episodi in questa partita", rimarca il tecnico nerazzurro.  

"Non stavo rimproverando un mio giocatore, non ho detto proprio niente: è la mia parola contro la loro, non mi sono nemmeno accorto di essere stato ammonito - continua Gasperini - Mi sono solo chiesto ad alta voce per quale motivo lo fossi stato. Gli arbitri sono professionisti, può darsi non siano pagati molto, ma devono comportarsi come tali venendo a spiegarci le situazioni: se ci mettessero la faccia, almeno si vedrebbero di che pasta sono. C'è un problema di qualità enorme".

Il tecnico salterà la sfida con la Sampdoria al Ferraris in prgramma mercoledì.