Appalti e logistica, Uiltrasporti: "Aspettative per contrastare illegalità"

di Edoardo Cozza

Oggi l'atteso incontro con il ministro Orlando. Il segretario generale Tarlazzi: "Serve una maggior qualificazione delle aziende appaltatrici"

Appalti e logistica, Uiltrasporti: "Aspettative per contrastare illegalità"

“Abbiamo aspettative importanti dall’incontro che si terrà nella giornata del 7 luglio tra il ministro Orlando e le parti sociali stipulanti il contratto dei trasporti e della logistica. L’incontro verterà sul problema degli appalti e dello sfruttamento presente nell’intera filiera” così il segretario generale Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi. 

Serve una maggior qualificazione delle aziende appaltatrici per evitare lo sfruttamento che dequalifica il servizio ed impoverisce il settore. Ora si appalta non per logiche organizzative ma solo per risparmiare sul costo, in un tessuto produttivo dove le aziende di piccola dimensione alimentano una infinita catena di appalti per la quale servirebbero anche più controlli da parte degli organi competenti, mettendo fuori mercato quelle che non investono su salute e sicurezza” spiega Tarlazzi che prosegue "Occorre introdurre una normativa vigente sulla parità di trattamento economico e normativo per tutta la filiera dell’appalto con l’applicazione dello stesso contratto di lavoro e altrettanto una responsabilità dell’azienda leader che non può chiamarsi fuori dalle proprie responsabilità per ciò che succede nella filiera” conclude.