Alluvione Genova, il giudice prende tempo su Marta Vincenzi: in due giorni la decisione

di Alessandro Bacci

Probabile la conferma dell'affidamento ai servizi sociali per i fatti dell'alluvione del 2011 in cui persero la vita sei donne di cui due bimbe

Alluvione Genova, il giudice prende tempo su Marta Vincenzi: in due giorni la decisione

Si sono riservati i giudici del tribunale di Sorveglianza in merito all'istanza di affidamento ai servizi sociali dell'ex sindaca di Genova Marta Vincenzi per i fatti dell'alluvione del 2011 in cui persero la vita sei donne di cui due bimbe. L'ex preside aveva patteggiato una pena a tre anni. La volta scorsa, dopo la discussione, una dei giudici si era astenuta per un possibile conflitto di interessi e l'udienza era stata rifissata.

"Anche il sostituto procuratore Enrico Zucca - ha detto il legale della Vicenzi, Stefano Savi - ha detto che l'istanza andava accolta visto anche che l'accertamento delle responsabilità è incompleto". La volta scorsa i giudici avevano puntato sul mancato risarcimento delle vittime e sul mancato pentimento della Vincenzi. La decisione dovrebbe arrivare entro un paio di giorni.

I giudici del tribunale di Sorveglianza si sono riservati anche sulle istanze per l'affidamento ai servizi sociali dell'ex assessore comunale Francesco Scidone (difeso dall'avvocato Andrea Testasecca) e dell'ex dirigente Gianfranco Scidone (avvocato Romano Raimondo). I due avevano patteggiato una pena a tre anni e quattro mesi. Anche per loro il sostituto procuratore generale Enrico Zucca ha dato parere favorevole per l'accoglimento dell'istanza. Anche per loro i giudici si sono riservati e la decisione arriverà nei prossimi giorni.