Alessandria-Genoa 3-2, primo tempo da incubo, meglio nella ripresa ma non basta: rossoblù ko

di Alessandro Bacci

Il Grifone passa in svantaggio di tre reti e non riesce a recuperare. In gol il capitano Mimmo Criscito e Mattia Destro

Alessandria-Genoa 3-2, primo tempo da incubo, meglio nella ripresa ma non basta: rossoblù ko

Sconfitta per il Genoa in amichevole con l'Alessandria: al Moccagatta i grigi vincono 3-2. Una partenza da incubo nel primo tempo condanna il Grifone alla sconfitta, dopo essere andato in svantaggio di tre reti. Subito i nuovi Caicedo, Toure Fares e Maksimovic. Di seguito la formazione iniziale: Marchetti; Maksmovic, Biraschi, Criscito; Ghiglione, Toure, Badelj, Sturaro, Fares; Pandev, Caicedo.

Nel primo tempo l'Alessandria passa in vantaggio dopo 4 minuti con Corazza, che approfitta di un errore difensivo di Maksimovic. I padroni di casa raddoppiano al 13’ con Palombi, che infila nell'angolino il pallone, Marchetti che non ci arriva. Sei minuti più tardi arriva anche il tris: tiro a giro di Palombi con pallone sotto l'incrocio. I rossoblu provano a reagire e accorciano le distanze al 20' con un calcio di rigore trasformato da Mimmo Criscito.

Nel secondo tempo Ballardini cambia tutto, di seguito la nuova formazione: Andrenacci; Masiello, Biraschi, Criscito; Sabelli, Portanova, Behrami, Melegoni, Fares; Kallon, Destro. Al 10’ Kallon colpisce il palo al termine di un’azione individuale. La rete della speranza arriva a dieci minuti dalla fine del match con Destro che supera il portiere avversario con una bella girata al volo. Quello del secondo tempo è un altro Genoa ma non basta: la sfida termina 3-2 per l'Alessandria.

Sicuramente c'è molto da lavorare per il Grifone, meglio nella seconda parte di gara con il ritorno al 4-3-1-2. Il primo tempo è da dimenticare, Ballardini avrà bisogno di tempo per integrare tutti i nuovi acquisti. La settimana di sosta, in questo senso, è estremamente utile per farsi trovare pronti in campionato.