7 maggio 2013-7 maggio 2021: Genova ricorda la tragedia della Torre Piloti

di Marco Innocenti

Alle 19 la cerimonia ufficiale con le autorità e poi, alle 22.59, ora esatta del crollo, le sirene del porto suoneranno all'unisono

Otto anni. tanto è trascorso da quel 7 maggio 2013, quando la nave cargo Jolly Nero urtò la Torre Piloti di Molo Giano nel porto di Genova. Sotto le macerie del crollo persero la vita nove persone, i cui nomi sono oggi incisi sulla stele commemorativa posta in Calata delle Capitanerie di Porto: Daniele Fratantonio, Giovanni Iacoviello, Davide Morella, Marco De Candussio, Giuseppe Tusa, Francesco Cetrola, Michele Robazza, Sergio Basso, Maurizio Potenza.

Anche quest'anno Genova ricorderà quella tragedia, a partire dalle 18 con la Santa Messa officiata dal vescovo ausiliario Monsignor Nicolò Anselmi presso la Cattedrale di San Lorenzo. Alle 19, poi, davanti alla stele, si raduneranno le autorità cittadine per la cerimonia ufficiale, con la deposizione di una corona e la preghiera del cappellano militare Don Fabio Pagnin, prima dell'atto finale con l'Onore ai Caduti.

Successivamente, la cerimonia diverrà strettamente privata e si sposterà presso la testata di Molo Giano, nel luogo dove avvenne la tragedia: alla presenza dei soli familiari delle vittime, verranno deposte un'altra corona e una rosa bianca per ognuna delle nove vittime del crollo. Dopo un momento di preghiera, verrà poi suonato il silenzio militare.

La cerimonia si concluderà presso la Capitaneria di Porto: qui alle 22.59, l'ora esatta dell'urto fra la Jolly Nero e la Torre Piloti, le sirene del porto suoneranno all'unisono.