Vaccino, Locatelli: "Seconda dose per chi ha fatto J&J? E' possibile"

di Marco Innocenti

"Se arriveranno indicazioni dagli enti regolatori, faremo tutto velocemente grazie ad un'anagrafe vaccinale molto precisa"

Vaccino, Locatelli: "Seconda dose per chi ha fatto J&J? E' possibile"

Seconda dose in arrivo per chi si è vaccinato con Johnson & Johnson. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ai microfoni di Rai3:  "Se arrivassero indicazioni sulla possibilità di somministrare una seconda dose con una vaccino a RNA messaggero - ha detto Locatelli - si avrebbe il vantaggio di indurre una risposta immunologica anche migliore. Queste persone verranno chiamate, c'è un'anagrafe vaccinale molto precisa. Somministrare oltre i due mesi non compromette l'efficacia. Appena arriveranno le indicazioni delle agenzie regolatorie, si farà tutto velocemente".

"Le evidenze - prosegue Locatelli - ci dicono che la terza dose è certamente raccomandabile per persone fragili, o per ragioni anagrafiche o per patologie concomitanti. Questa la chiamerei dose addizionale per soggetti immunodepressi. Abbiamo evidenze che con la terza dose la metà di coloro che non hanno avuto risposte, perché assumevano una terapia immunosoppressiva per prevenire un rigetto in caso di trapianto d'organico, ha poi reagito meglio. Poi c'è la possibilità che nel tempo si arrivi a considerarla anche per i più giovani".