Toti: "Sì a stretta su Green pass e obbligo vaccinale: tutti devono fare la loro parte"

di Marco Innocenti

"Ogni decisione però dovrà essere supportata da numeri e dati scientifici". Domani al via l'invio degli sms per invitare alla terza dose

Toti: "Sì a stretta su Green pass e obbligo vaccinale: tutti devono fare la loro parte"

“Sono favorevole ad un’eventuale stretta sul green pass, che possa essere utilizzato solo se associato alla vaccinazione almeno per l’accesso ad alcuni luoghi come cinema, teatri e palestre. E, se necessario, anche all’introduzione dell’obbligo vaccinale". A dirlo è il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, parlando dell'aumento dei contagi che in Italia ha riportato alla ribalta il dibattito su una possibile normativa più stringente in merito all'utilizzo del Green Pass.

"Certamente ogni misura dovrà essere supportata da numeri e dati scientifici - aggiunge Toti - ma è evidente che se oggi, a fronte di un aumento dei contagi, i nostri ospedali stanno reggendo l’urto con tassi di ospedalizzazione notevolmente più bassi rispetto ad un anno fa è solo grazie ai vaccini. Guai quindi a metterli sullo stesso piano dei tamponi, che rivelano ad una persona se in quel momento sia malata ma, a differenza della vaccinazione, non la proteggono in alcun modo dal contagio e dalle sue conseguenze, anche gravi”. 

“Il mio è un richiamo alla responsabilità - ha specificato Toti - Ciascuno di noi deve fare la propria parte vaccinandosi. È un dovere civico, per assicurare a questo paese e alla nostra regione di agganciare la ripresa oltre che, certamente, l’unico modo per mettere in sicurezza se stessi e le persone care. Non possiamo in alcun modo permetterci di perdere la libertà che abbiamo conquistato o di sopportare altre chiusure, anche in vista del periodo natalizio. Occorre mantenere alta l’attenzione con grande attenzione e prudenza”.

In merito alla somministrazione delle terze dosi, Liguria Digitale spiega le modalità operative relative all’invio degli sms alle categorie mano a mano coinvolte. Una parte di messaggi è già stata inviata agli aventi diritto e da domani mattina, lunedì 15 novembre, partirà l’invio di massa, con una media di oltre 500 sms ogni ora.

In particolare, a tutti gli utenti aventi diritto, arriverà un sms sul cellulare per ricordare loro la possibilità di prenotarla fin da subito. L’sms arriverà a coloro che abbiano prenotato le prime somministrazioni attraverso la piattaforma prenotovaccino.regione.liguria.it o anche attraverso gli ordinari canali di prenotazione (sportelli e call center CUP, farmacie e medici di medicina generale), a coloro non abbiano già effettuato la somministrazione della dose booster ed infine a coloro che non si siano prenotati e non siano quindi già in attesa di riceverla.

Sarà quindi il sistema di prenotazione che proporrà automaticamente tutte le migliori date disponibili, a partire da sei mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale nel luogo da loro preferito. Nelle 48 ore antecedenti la data prenotata arriverà agli utenti un secondo sms ricordando data, orario e luogo di prenotazione.