Sentenza Usa sull'aborto, Toti: "La decisione della Corte suprema è un salto nel passato"

di Giorgia Fabiocchi

Dopo quasi 50 anni l'America mette fine a un diritto conquistato negli anni '70

Sentenza Usa sull'aborto, Toti: "La decisione della Corte suprema è un salto nel passato"

È una sentenza shock quella che arriva dagli Stati Uniti d'America, dove la Corte suprema ha messo fine alle garanzie costituzionali in tema d'aborto, conquistate nel 1973. La decisione finale passerà nelle mani degli Stati Usa, ma risultano già diversi coloro che impediranno alle donne di scegliere se interrompere o meno la gravidanza. Una notizia che ha scosso il mondo ed è arrivata anche in Italia dove Simone Pillon, senatore della Repubblica in quota Lega, esulta e chiede che anche l'Italia segua le orme americane.  

"La decisione della Corte Suprema USA che cancella l'aborto come diritto garantito dalla Costituzione americana è un salto nel passato più oscuro". Con queste parole il presidente della Liguria Giovanni Toti commenta la sentenza Usa. "Una assurda scelta ideologica che non difende, come qualcuno crede, il diritto alla vita, ma mette a rischio quella di tante donne, specie nelle fasce più deboli della popolazione, che torneranno a rivolgersi al mercato clandestino delle interruzioni di gravidanza - prosegue Toti -. L'America per me è sempre stata un faro di democrazia e diritto. Che delusione!".