Savona, rinasce il "Tavolo antifascista"

di Marco Innocenti

Il sindaco Russo: "Si rafforza così il dna della nostra città perché la nostra storia dev'essere un racconto continuo per i nostri giovani"

Savona, rinasce il "Tavolo antifascista"

Rinasce a Savona il Tavolo Antifascista. A presiedere la prima seduta il sindaco Marco Russo e gli assessori Nicoletta Negro e Gabriella Branca. “Il Tavolo - ha spiegato il sindaco - ha il compito di rafforzare la cultura democratica e antifascista e di celebrare la memoria. Dico di più, gli eventi della nostra Storia devono esser un racconto continuo che insegna ai nostri giovani il DNA di Savona, città democratica, antifascista e sempre avanzata”.

Si occuperà di programmare le varie celebrazioni (sia istituzionali sia legate alla storia cittadina) coinvolgendo quanto più possibile i giovani e la scuola. “Abbiamo voluto scegliere una data simbolica - ha detto l’assessore Branca - quella legata alle celebrazioni dello Sciopero del Primo Marzo ’44, perché ci sembrava giusto rafforzare il significato di questa ripartenza”.

Faranno parte dell’assemblea allargata ACLI, ANED, ANPI, ARCI, Ass. Sandro Pertini, CGIL, CISL, UIL, EMERGENCY, FIVL, ISREC, LIBERA, LEGA COOP, Unione Donne Italiane. “Noi vogliamo includere - ha detto l’assessore Negro - l’obiettivo è coinvolgere quante più realtà possibili. La nostra amministrazione si caratterizza per le connessioni tra i vari temi. Sarà nostro compito creare interazioni con altri ambiti”.