Condividi:


Salone Nautico, il bilancio finale: "Più 30% di visitatori rispetto al 2020"

di Edoardo Cozza

Cecchi (Confindustria Nautica): "Al termine delle 6 giornate tocchiamo 95mila persone". Toti e Bucci: "È stato un grande successo"

"Alle ore 12 i visitatori erano 92.377: circa il 30% in più dell'anno scorso". Il presidente di Confindustria Nautica, Saverio Cecchi, annuncia i numeri nella conferenza stampa di chiusura del 61° Salone Nautico di Genova: "Significa che alla fine della giornata, si arriverà all'incirca a 95 mila, quasi al totale del tetto massimo consentito dalle norme di sicurezza anti-Covid fissato attorno a 98 mila". È il dato principale di un'edizione 2021 che ha soddisfatto in pieno gli organizzatori, ma anche il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il sindaco di Genova Marco Bucci. 
Tra gli altri numeri presentati da Cecchi, degni di nota sono i dati sulle prove a mare (6mila) e oltre un milione di persone raggiunte coi canali social: "Ma soprattutto aumentano gli addetti e i contratti, ma ora bisogna lavorare sulla manodopera e le materie prime, perché affrontando questi temi potremo permettere al nostro settore di continuare a correre". 

Il sindaco Bucci è entusiasta del Salone e di tutto quello che vi ha gravitato intorno: "Grande successo di pubblico, grande successo del Waterfront come area della futura Genova, grande successo della vela e per l'Ocean Race che ospiteremo e a cui parteciperà una barca italiana come annunciato qui dal ministro Garavaglia. La città di Genova appoggia e fa di tutto per il Salone, perché il loro successo è il nostro successo e il futuro promette sempre meglio: questo è stato un Salone memorabile, che sarà superato dall'edizione 2022 e quello sarà superato nel 2023". 

Per il governatore della Liguria Giovanni Toti: "Questo Salone è stato un po' un rito catartico di ripartenza e averlo fatto attorno ad un prodotto così importante per l'economia italiana è stato un successo in sé, al di là dei numeri straordinari. Questo nonostante le limitazioni ancora legate al Covid, che hanno fatto faticare non poco e per questo ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato in questo Salone, compreso il personale della sanità ligure che ha supportato l'organizzazione fin dall'inizio e per tutta la durata della kermesse. È stato il Salone del coraggio, perché ha sfidato ancora la pandemia e i numeri hanno premiato sia in termini di visitatori sia di effettivo business per le imprese. È la migliore dimostrazione che il Paese sta ripartendo con il piede giusto e che il modo per farlo correre più velocemente è una sana collaborazione tra le imprese, che fanno la ricchezza e l'occupazione del Paese, e le Istituzioni che devono affiancarle e supportarle in ogni modo".