Regione Liguria, 30 mila euro per le cure ai senzatetto malati

di Redazione

Il progetto "Il Basilico" metterà a disposizione 15 letti per la convalescenza dei senza fissa dimora

La Giunta regionale ha dato vialibera allo stanziamento di 30mila euro per garantire la prosecuzione del progetto 'Il Basilico'. Si tratta di un servizio di convalescenza protetta, dimissioni protette e continuità assistenziale rivolto alle persone senza fissa dimora o in condizioni di precarietà che, a seguito di episodi acuti, accessi al Pronto Soccorso e ricoveri ospedalieri, non possono usufruire delle cure normalmente garantite dalle reti familiari e necessitano di un periodo di stabilizzazione delle condizionidi salute.

Il servizio viene gestito dalla Fondazione Auxilium presso l'area messa gratuitamente a disposizione dall'Ospedale Policlinico San Martino al primo piano del padiglione 10. "Grazie al sostegno di Regione e considerata l'efficacia del progetto - ricorda in una nota la vicepresidente della Regione Liguria e assessora alla Sanità Sonia Viale - dall'estate scorsa questo servizio viene erogato non solo d'inverno ma anche durante i mesi estivi. All'interno dell'area al primo piano del padiglione 10 si trovano 15 posti letto, destinati all'accoglienza di persone che, senza questo supporto, una volta dimesse dall'ospedale dopo un intervento chirurgico o un accesso in pronto soccorso, sarebbero costrette a tornare a vivere per strada, da sole, con un fortissimo rischio di complicanze o ricadute.

Attraverso questo progetto, invece, vengono prese incarico e sostenute non solo durante ma anche dopo il periodo diconvalescenza, con percorsi individuali di accompagnamento". Dal 2010 ad oggi, il progetto ha consentito di migliorare la qualità di vita delle persone in condizione di povertà urbana estrema, promuovendo dimissioni protette e continuità assistenziale; di ridurre non solo il periodo di ricovero ospedaliero, ma anche i ricoveri impropri, nonché la riacutizzazione delle patologie e il conseguente ricorso a nuovi accessi alla rete ospedaliera. Questo servizio favorisce anche l'integrazione tra i sistemi sanitario e sociale, incentivando la presa in carico nel sistema sociosanitario di persone che, normalmente, sfuggono ai canali ordinari di accoglienza.

Il progetto 'Il Basilico' si affianca al pronto intervento sociale 'Il Pioppo24', attivato nel dicembre 2018 dal Comune di Genova grazie al contributo di Regione Liguria e gestito sempre dalla Fondazione Auxilium (capofila di un'associazione temporanea di scopo fra 13 soggetti del privato sociale) per l'accoglienza di persone senza fissa dimora in stato di grave deterioramento sociale o sanitario.