Tags:

genoa preziosi

Preziosi: "La cessione? Oggi sono presidente, se domani farò altro sarò sempre legato al Genoa"

di Marco Innocenti

E sul mercato: "Siamo soddisfatti. Questa squadra può competere per posti interessanti. Il miglior acquisto? La conferma di Destro"

A poco più di un'ora dalla chiusura del calciomercato, il presidente rossoblu Enrico Preziosi ha detto la sua in esclusiva ai microfoni di Telenord, in collegamento telefonico nel corso della trasmissione We are Genoa, condotta da Pinuccio Brenzini. 

"Penso abbiamo fatto una campagna acquisti con giocatori importanti - ha detto Preziosi - Poi sarà sempre il campo a parlare ma ci sono giocatori che non hanno bisogno di presentazioni. Non sono scommesse ma hanno la loro storia già consolidata. Kallon è giovane e bisogna aspettarlo. Ha mostrato qualità importanti e quindi il mix c'è ma la base è quella importante, che poi credo sarà quella che scenderà in campo con maggior frequenza".

"Il mio miglior acquisto è stato Destro - commenta a sorpresa Preziosi - Con Caicedo comporrà un'ottima coppia d'attacco. Nel corso del mercato le situazioni cambiano da un giorno all'altro e l'averlo confermato mi ha fatto solo che piacere. Un rimpianto? Ce ne sono in ogni campagna ma noi siamo abbastanza soddisfatti. Zarbano e Marroccu hanno lavorato tanto, non solo oggi, per far quadrare tutto, quindi devo ringraziarli. Il mercato è sempre molto difficile, ci sono tante cose da far quadrare per prendere un giocatore di qualità. Abbiamo lavorato tanto e bene".

"Shomurodov? Su di lui avevo molte certezze. Su Supryaga invece non le avevo e lo abbiamo trattato in maniera molto marginale. Sono molto felice di quello che abbiamo fatto.  Galdames? A volte le buone amicizie aiutano. Doveva andare in un'altra squadra, quella vicino a noi e alla fine siamo riusciti a portarlo qui da noi. Lammers? Era stato promesso al Verona. Avevano un accordo con l'Atalanta che, se fosse stato ceduto in Italia sarebbe venuto al Genoa, poi il procuratore ha preferito portarlo in Germania. Vuol dire che era destino che andasse così".

Impossibile poi non parlare della trattativa per la cessione della società: "Oggi io sono il presidente di questa società e le decisioni di mercato le prendiamo noi. Io sono abbastanza stanco e spero che stavolta ci siano le basi. C'è un momento per cominciare e uno per concludere ma non posso lasciare il Genoa in mano a degli sprovveduti. Ha la sua storia e merita quel rispetto che io gli ho sempre riservato. Le persone che potranno prenderlo magari lo porteranno ad un futuro che qualcuno non si aspettava. L'interlocutore è serio e mi aspetto che questa serietà porti a fatti concreti, per voltare a dare un futuro al Genoa diverso da quello che altri si aspettavano. Oggi faccio il presidente e, se le cose si concretizzeranno, farò altro ma resterò sempre legato. Diciannove anni di storia non si cancellano e io, nonostante qualcuno pensi il contrario, sarò sempre legato a questa società". 

Preziosi torna poi sul goal annullato al Genoa contro il Napoli: "Non voglio parlare di malafede - ha commentato - Sono errori che si fanno ma mi dispiace molto per i ragazzi e per Ballardini. Quando si fanno gare così a livello d'intensità, non si merita di essere penalizzati da questi episodi. Meret ha sbagliato l'uscita, lui ha cercato di bloccarla e l'ha persa. Era un goal regolarissimo. Ora però pensiamo al futuro che credo che, con questi nuovi innesti, possa darci la tranquillità che tutti si aspettavano".