Condividi:


Operaio morto alla Foce, sequestrata una tavola di legno spezzata

di Alessandro Bacci

Un collega: "Ha sbattuto più volte contro i ponteggi prima di arrivare a terra. Era legato e forse l'imbracatura non ha tenuto"

Si chiamava Davide D'Aprile l'operaiomorto questa mattina dopo essere caduto da un ponteggio. "Io stavo lavorando da sotto. Ho sentito dei rumori e ho visto il mio collega che cadeva. Ha sbattuto più volte contro i ponteggi prima di arrivare a terra. Era legato e forse l'imbracatura non ha tenuto", ha detto uno degli operai.

D'Aprile lavorava per l'impresa SP Servizi Ponteggi, che opera in subappalto in quel cantiere, ed era inquadrato con contratto metalmeccanico. L'uomo viveva a Sampierdarena con la moglie e una figlia. Gli investigatori hanno sequestrato una tavola di legno spezzata che serviva da passerella. Potrebbe essere stato il cedimento dell'asse in legno a causare la caduta. Il ponteggio per il rifacimento della facciata era stato montato da circa una settimana.

Gli ispettori della Asl, coordinati dalla procura, stanno anche verificando il rispetto delle norme in materia di sicurezza sul cantiere. Gli investigatori vogliono capire se fossero stati installati i dispositivi per permettere l'ancoraggio dell'imbracatura come un gancio o un girovita.

Nei primi 7 mesi dell'anno, in Liguria, sono avvenuti 50 infortuni sul lavoro al giorno. Di questi 14 sono stati mortali, un aumento del 6,3% rispetto al 2020.