Milan-Genoa, Pioli: "Contento non si giochi ma si poteva decidere prima"

di Redazione

Il tecnico: "Il calcio è passione, emozione, a porte chiuse non c’è"

Milan-Genoa, Pioli: "Contento non si giochi ma si poteva decidere prima"

Milan-Genoa non si giocherà, questo è quanto deciso dalla Lega Calcio. Il tecnico dei rossoneri Stefano Pioli non ha parlato in conferenza stampa pre partita ma ha rilasciato alcune dichiarazioni a MilanTv una volta appresa la decisione: "Una situazione un po' difficile, all'inizio l'hanno estremizzata, adesso cercano di riportare tutto alla normalità, speriamo si risolva il prima possibile. Vedere Milano con così poca gente è una situazione che fa male, la salute viene prima di tutto ma prima torniamo alla normalità ed è meglio per tutti. Non mi riferisco solo allo sport".

Il tecnico ha parlato anche del rinvio: "Il calcio è passione, emozione, a porte chiuse non c'è, mi ero preoccupato per tutta la settimana fare capire a questi ragazzi com'è giocare senza tifosi, sono contento non si giochi ma si poteva decidere prima".

Per il tecnico giusto non giocare a porte chiuse ma la squadra era in un buon momento di forma: "Avrei voluto giocare perché la squadra si è allenata molto bene, i test fisici hanno dato buoni risultati, dobbiamo spingere e cercare di fare bene da qui alla fine".