Condividi:


Il futuro di Genova è nella silver economy

di Andrea Carozzi

Al convegno Silver & the City l'invecchiamento della popolazione è un'opportunità economica

Più consumi, più turismo, più crescita: la terza età "ringiovanisce " l'economia. Questo è il tema di Silver & the City il convegno organizzato da Confcommercio andato in scena a Genova al centro Congressi dei Magazzini del cotone. Un momento di confronto sulle potenzialità della silver economy che vede nella città di Genova una meta ideale per via della sua naturale vocazione turistica e del suo clima mediterraneo.

Sono infatti 14 milioni, gli over 65 italiani e rispetto al 2015 sono aumentati di oltre mezzo milione. Oggi, hanno una ricchezza media più alta del 13,5% rispetto a quella degli italiani più giovani e  i loro consumi vanno a gonfie vele, spendono per musei, mostre, cinema e viaggi, il 17,4% di loro lavora e il 40% addirittura sostiene i figli e le loro famiglie, e non vogliono essere chiamati vecchi o anziani, ma "persone mature".

Oggi questa  fascia di popolazione conta su di un un complesso di attività economiche molto sviluppate che prende il nome di silver economy, e che offre servizi materiali e immateriali, beni e prodotti di consumo o investimento su cui realtà post industriali come quella di Genova possono e devono puntare.

"L'invecchiamento della popolazione deve diventare una sfida sociale e un'opportunità economica - ha dichiarato il presidente Confcommercio Carlo Sangalli - Occorre passare dall'idea di assistenza a quella di offerta nel campo del turismo e dei consumi culturali. L'invecchiamento della popolazione deve essere un'opportunità per l'economia italiana, e Genova e la Liguria possono rappresentare un laboratorio per la silver economy".

Paolo Oddone presidente della Camera di Commercio di Genova durante il convegno ha sottolineato l'importanza di portare il capoluogo ligure al centro dell’economia dei senior. "Genova vuole attirare una fetta di quelle persone sopra i 65 anni, in piena attività, che ogni anno spendono in Europa 15 mila miliardi di euro. La nostra regione e la nostra città devono seguire l'esempio di Paesi come il Portogallo o di città come Nizza che puntando sul turismo over 60 hanno ottenuto  un tornaconto economico rilevante. Anche perché non possiamo dimenticare che a Genova abbiamo perso in 50 anni quasi 300 mila abitanti a causa della deindustrializzazione"

Al Convegno ha presenziato anche Andrea Benveduti, assessore regionale allo Sviluppo Economico, che ha dichiarato:" la silver economy è una bella suggestione e rappresenta una complessa macchina da strutturare e da avviare perché in Liguria abbiamo un territorio straordinario con un clima invidiabile e altre cose da offrire, penso ai tanti luoghi da visitare a un' eccellente enogastronomia e a un artigianato di qualità, che vanno valorizzati, supportati e messi a sistema".