Genova, un'altra vittima nel focolaio del San Martino: nuovo esposto in Procura

di Alessandro Bacci

Segnalato il decesso di un 92enne ricoverato al Maragliano dopo essere risultato inizialmente negativo al covid

Genova, un'altra vittima nel focolaio del San Martino: nuovo esposto in Procura

Si allunga la lista di esposti arrivati in procura a Genova e relativi al cluster scoppiato al Maragliano, reparto di Pneumologia, dell'ospedale San Martino dove lavora una infermiera No vax risultata positiva. Sulla scrivania del sostituto procuratore Stefano Puppo è arrivata la segnalazione del decesso di un anziano di 92 anni morto il 20 marzo dopo essere risultato positivo. L'uomo, Giobatta Gentile, era stato ricoverato al Maragliano dal 21 febbraio al quattro marzo, risultando negativo al test. Dopo le dimissioni era stato spostato in una residenza privata dove il 15, a causa di una serie di sintomi riconducibili al Coronavirus, viene sottoposto di nuovo al tampone che questa volta risulta positivo. A quel punto viene trasferito di nuovo al San Martino nel reparto Covid dove muore dopo pochi giorni.

Il pm aveva già aperto un fascicolo nei giorni scorsi per omicidio colposo per la morte di Giulio Macciò, 79 anni. Dopo la scoperta del cluster erano arrivate altre due segnalazioni di decessi sospetti. I militari del Nas hanno sequestrato le cartelle dei pazienti e stanno ricostruendo i passaggi per capire se si siano infettati nel reparto e a causa di chi. Ieri il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi aveva ribadito la necessità di una legge nazionale che "imponga l'obbligatorietà dei vaccini" e l'ipotesi di sanzionabilità per i datori che, ove possibile, non spostino i dipendenti no vax ad altre mansioni.