Genova, sgominata banda di rapinatori seriali: arrestato un 20enne bosniaco

di Redazione

L'indagine condotta da polizia, carabinieri e municipale ha permesso di identificare altri due membri della banda, agli arresti domiciliari

Genova, sgominata banda di rapinatori seriali: arrestato un 20enne bosniaco

Una custodia cautelare in carcere e due sottoposizioni agli arresti domiciliari. È il risultato dell’operazione di polizia giudiziaria compiuta nelle prime ore della mattinata odierna da parte della Polizia di Stato, dei Carabinieri di Carignano e della Polizia Locale che hanno dato esecuzione all’ordinanza emessa dal Gip di Genova, su richiesta della Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini. A finire in carcere a Marassi è stato un ventenne, S.H., cittadino bosniaco, rintracciato nel quartiere di Sestri Ponente dai poliziotti della Squadra Mobile e del Commissariato Centro. Le indagini svolte dagli investigatori hanno consentito di accertare le responsabilità in ordine a due rapine avvenute nello scorso anno.

Nel primo episodio, risalente a gennaio 2020 e avvenuto in pieno giorno, in zona Brignole, S.H. incrociava un ragazzo minorenne e con un pretesto lo invitava a seguirlo nel tunnel di via Canevari. Qui, aiutato dai suoi complici, con brutale violenza gli strappava la collanina e si dava alla fuga. L’altra rapina era avvenuta invece in zona Castelletto, nei primi giorni di ottobre, ancora ai danni di un minore. L’arrestato, insieme ai suoi complici, dopo aver accerchiato e bloccato spalle al muro la vittima, con la minaccia di una bottiglia di vetro, gli aveva sottratto la collana, facendo poi perdere le proprie tracce.

Le indagini avviate dalla Squadra Mobile e dal Commissariato Centro hanno ricostruito entrambi i delitti. Parallelamente, sulla banda di rapinatori, sono state svolte indagini da parte dell’Arma dei Carabinieri e del Reparto Polizia Giudiziaria della Polizia Locale, in merito a ulteriori delitti avvenuti, principalmente, nel mese di ottobre dello scorso anno. L’attività ha portato all’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di altri due membri della banda, concorrenti dei reati in argomento.