Genova, per la terza volta senza mascherina: chiesta la chiusura di un negozio

di Redazione

Un commerciante in piazza Caricamento non indossava il dispositivo di protezione, è recidivo

Genova, per la terza volta senza mascherina: chiesta la chiusura di un negozio

Scoperto per la terza volta consecutiva senza mascherina. La Polizia locale ha intimato l'interruzione immediata dell'attività per il titolare di un'attività in piazza Caricamento a Genova. Il commerciante era già stato sanzionato nel giugno e nel luglio scorsi e ogni volta segnalato alla Prefettura per la chiusura come vogliono le normative nazionali. Ieri gli agenti hanno verificato nuovamente l'inosservanza. La chiusura prevista dalla legge è di 5 giorni. Il proprietario dell'esercizio commerciale, ieri, non indossava correttamente la mascherina protettiva in presenza di clienti come previsto dalle linee guida della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome relativamente alle attività commerciali al dettaglio. Sono state comminate al titolare diverse altre sanzioni. Al momento del controllo, gli agenti del nucleo Commercio hanno accertato, tra l'altro, la vendita di prodotti alimentari sfusi con esposizione dei prezzi al pezzo anziché per unità di misura.

Giovedì sono state 95 le sanzioni comminate dalla Polizia locale genovese a chi non ha rispettato le regole di prevenzione nazionali e locali, 27 nel centro storico e 68 in altre zone della città mentre ieri, venerdì 6 novembre, sono state 74 le sanzioni: 18 nel centro storico e 56 nelle altre zone della città.

Le attività economiche dove non vengono rispettate le norme di prevenzione vengono segnalate alla prefettura per la chiusura di 5 giorni prevista dalla normativa nazionale e nei casi più gravi, in cui il mancato rispetto delle regole viene reiterato (come nel caso del negozio di piazza Caricamento), viene disposta l'immediata chiusura.