Genova, entra in porto con ricambi per auto senza autorizzazione: sequestrato il furgone

di Edoardo Cozza

Il mezzo era diretto all'imbarco per il Marocco, ma i materiali non avevano alcuna documentazione. Un secondo veicolo dello stesso uomo trovato a Bolzaneto

Genova, entra in porto con ricambi per auto senza autorizzazione: sequestrato il furgone

Gli uomini della Guardia Costiera di Genova e quelli dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno intercettato un veicolo in ingresso nel porto di Genova carico di parti e ricambi usati per autoveicoli, trasportati senza alcuna precauzione, bonifica e documentazione attestante l’origine e la tipologia dei materiali. Il mezzo, diretto all’imbarco per il Marocco, era condotto da un cittadino extracomunitario e proveniva dalla provincia di Lecce.

Il veicolo è stato sottoposto a sequestro e il conducente segnalato all’Autorità giudiziaria per i reati di traffico e gestione illecita di rifiuti pericolosi e per l’introduzione nel porto di Genova di merci pericolose e non autorizzate. Il medesimo soggetto è stato, inoltre, sanzionato per varie violazioni al Codice della Strada, quali il sovraccarico, la mancata revisione del mezzo e la condotta di un veicolo sospeso dalla circolazione.

Le indagini hanno, inoltre, consentito di individuare un secondo veicolo impiegato dal medesimo soggetto, intercettato e sequestrato dalla Guardia Costiera a Bolzaneto anch’esso carico di rifiuti.