Genova, ammanco buoni carburante: ex comandante dell'Arma condannato al risarcimento di 1.270 euro al Ministero Difesa 

di Redazione

I fatti risalgono a un periodo tra il 2005 e il 2006, la segnalazione alla Corte dei Conti è stata fatta dopo verifiche sulle differenze tra buoni consegnati e quelli utilizzati

Genova, ammanco buoni carburante: ex comandante dell'Arma condannato al risarcimento di 1.270 euro al Ministero Difesa 

La Corte dei Conti della Liguria ha condannato un carabiniere in congedo, ex comandante di una stazione dell'Arma a Genova, a risarcire 1.270 euro al Ministero della Difesa per "un ammanco non giustificato di buoni carburante". I fatti contestati risalgono a un periodo tra il 2005 e il 2006 e la segnalazione alla Corte dei Conti è stata fatta dalla stessa Arma dei Carabinieri dopo verifiche sulle differenze tra buoni consegnati e quelli utilizzati.

Con sentenza del 2014, per una vicenda giudiziaria che aveva coinvolto lo stesso ex comandante dei carabinieri anche per appropriazione dei buoni carburante al centro della sentenza della Corte dei Conti, il Tribunale di Genova aveva applicato su richiesta la pena di tre anni di reclusione, condonata per la legge del 2006 che ha concesso l'indulto.