Genova, Alisa attiva 12 posti letto all'ospedale Evengelico in caso di aumento di contagi

di Redazione

Il direttore generale Ansaldi: "Consci dell'importanza del presidio di Voltri al fine di garantire la risposta no-covid: così evitiamo rischi in altri presidi"

Genova, Alisa attiva 12 posti letto all'ospedale Evengelico in caso di aumento di contagi

Al fine di garantire una risposta in caso di un aumento dei contagi nel fine settimana, Alisa ha deciso e concordato, a titolo precauzionale, il coinvolgimento dell’Ospedale Evangelico di Voltri per l’attivazione di uno slot di posti letto Covid, in coerenza con il piano ospedaliero di preparedness per i reparti a media intensità, in base a quanto previsto dal documento condiviso a dicembre e aggiornato il 10 gennaio, in accordo con l’Ospedale del ponente genovese.

“Il sistema di sorveglianza sugli ingressi e sulla rotazione dei posti letto ci consente di monitorare in tempo reale la situazione degli ospedali – spiega il Direttore Generale Filippo Ansaldi – e alla luce del quadro epidemiologico e della pressione ospedaliera in area metropolitana genovese abbiamo previsto che fossero messi a disposizione 12 posti letto Covid a Voltri entro il 22 gennaio".

“Siamo assolutamente consci dell’importanza del presidio di ponente – aggiunge Ansaldi - al fine di garantire anche la risposta no-covid. E’ stato infatti deciso di coinvolgere l’Evangelico in ultima istanza, con uno slot di posti letto da destinare al Covid, dopo aver attivato tutte le altre strutture dell’area metropolitana genovese previste dal piano (San Martino, Galliera, Asl 3). La decisione è stata assunta per evitare che se dovesse verificarsi nel weekend un elevato numero di accessi, questo possa mettere in difficoltà la rete ospedaliera”.