Condividi:


Genoa, tutti i nodi da sciogliere: dal rebus allenatore alle prime trattative di mercato

di Redazione

Semplici in pole. Intanto con l'Inter si discute di Radu e Bessa

Grandi manovre in vista in casa Genoa. A tenere banco, però, è prima di tutto la questione allenatore. Lo stesso presidente Preziosi, ai nostri microfoni, ha detto che "il futuro di Prandelli dipenderà solo da lui", lasciando quindi intendere che la società sarebbe disposta a proseguire il rapporto con il tecnico. In caso di una separazione, però, il nome più caldo nelle ultime ore è quello di Leonardo Semplici, tentato dal proseguire l'ottimo lavoro fin qui svolto alla Spal.

A saltare fuori un po' a sorpresa è anche la candidatura di Andrea Stramaccioni. L'ex tecnico di Inter e Udinese sembra incontrare le simpatie del presidente Preziosi che starebbe provando a convincerlo a tornare in Italia, nonostante gli sia stata proposta la panchina del club iraniano Esteghial Fc. Per non parlare di Aurelio Andreazzoli che, per sua stessa ammissione, gradirebbe molto una destinazione sotto la Lanterna. Dall'una come dall'altra parte.

Dalla scelta per l'allenatore, poi, deriveranno anche le decisioni di mercato del club rossoblù. Il primo nodo da sciogliere riguarda il portiere: Radu vorrebbe restare al Genoa, anche nel caso in cui l'Inter eserciti il proprio diritto di recompra, versando i 10 milioni pattuiti. Si lavora per un prestito di un anno, magari a fronte di uno sconto sulla cifra oppure coinvolgendo nell'affare Daniel Bessa, giocatore che interesserebbe al club nerazzurro.

Contatti in corso anche fra Lazio e Genoa: i due club starebbero trattando per il riscatto di Romulo e, nel contempo, i biancocelesti avrebbero palesato un certo interesse per Biraschi e Lazovic. Il serbo, peraltro, ha anche il grande vantaggio che non rinnoverà con il Grifone e potrebbe quindi essere messo sotto contratto a parametro zero.