Genoa, Preziosi: "Non firmo questo bilancio, è il mio dovere di consigliere"

di Redazione

"Ho contestato determinate poste, è evidente che ci sono delle contrapposizioni. La 777 Partners deve garantire il credito che ho nei suoi confronti"

Genoa, Preziosi: "Non firmo questo bilancio, è il mio dovere di consigliere"

"Devo fare solo il mio dovere da consigliere. Sono in un cda. Credo ci siano cose non allocate in modo corretto, per questo non approverò. Ci sono responsabilità civili e penali. Ho contestato delle poste di bilancio".

Enrico Preziosi, nel corso di una lunga intervista a Tuttomercatoweb, ha confermato quanto era nell'aria ormai da diversi giorni. "Tutto vorrei fare tranne che confusione per e con il Genoa. Ma se ho un ruolo di consigliere, devo farlo al meglio. E' evidente che si parla di contrapposizioni. Ci sono delle cose che non sono state ancora chiarite: la vendita è stata fatta a 1 euro. Soldi non ne ho presi ma ci sono cose in pegno entro il 30 aprile".

Nel mirino, questo è chiaro, la 777 Partners. "Hanno fatto due diligence di tre mesi, spostando fino a novembre il passaggio. Hanno avuto tutto il tempo di vedere i conti: c'è un contratto e ci sono scritte tutte le cose che riguardano venditore, io, e compratore, loro. Emerge sempre tutto, plusvalenze e minusvalenze, devono dare garanzia con il pegno. Nel contratto devono garantire il credito che ho nei loro confronti e come detto, è tutto regolato da un contratto che sarà soggetto a un arbitrato. Sono tranquillo di aver fatto le cose fatte bene, dovrebbero farsi loro un esame... Gli ho detto di rispettare i contratti. Ci sono 50 pagine tra venditore e compratore. Sulle poste in bilancio non ho approvato delle cose in quanto consigliere. Il resto è tutto scritto: possono pure pubblicarlo, ho la coscienza a posto e l'accordo è fatto da due studi legali, tutto regolare. Vedremo le ragioni delle parti e faremo valere le nostre. Il bilancio prevede poste corrette: vogliono approvarlo? Lo faranno, sono in maggioranza, io sono solo un semplice consigliere".

Il calcio per ora non gli manca. O almeno così dice. "35 anni di calcio non si dimenticano. A me ora interessa che il Genoa vinca queste due partite, mi spiacerebbe finisse male la stagione... Si vogliono addebitare tutti gli errori a Preziosi però... Se vediamo la scelerata scelta di Shevchenko, per dirne una... E dire che oggi bastavano 4-5 punti in più. Anche a gennaio non mi sembra siano arrivati dei fenomeni: avrebbero potuto prendere un tipo di giocatori, chi è arrivato non mi sembra stia facendo la differenza. Il capocannoniere è Destro, i gol che hanno fatto le punte parlano da soli. Yeboah, gli altri... Magari è un momento, però non mi sembra siano arrivati giocatori importanti. Forse l'unico è Ostigard che è un prestito secco... Amiri è giù di forma ed è un buon giocatore, altri faticherebbero a giocare in B. La situazione di classifica non è eccellente, mi sarei aspettato una campagna di rinforzi diversa. Se l'avessi fatta io. Spero di veder vincere il Genoa domenica col Cagliari; poi c'è il derby e pure la Sampdoria non se la passa tanto bene... Sarebbe bello vincere queste due partite per rendere il campionato incerto fino all'ultimo. Se non vince domenica è difficile...".