Genoa, Onofri: "La situazione era brutta, un piccolo gradino è stato superato"

di Alessandro Bacci

L'ex capitano: "Thiago Motta? Dopo la vittoria c'è qualcosa di un po' più elettrizzante"

Il Genoa ottiene una boccata d'ossigeno con la vittoria sul Brescia. A Tgn Calcio l'ex capitano Claudio Onofri parla della prestazione dei rossoblu, focalizzandosi sul lavoro svolto dal neo tecnico Thiago Motta per portare a casa questi tre punti preziosissimi: “Con Thiago Motta il rischio c'era, speriamo di poter dire c'era, perchè dopo questa vittoria c'è un qualcosa di un po' più elettrizzante anche nella testa di tutti i tifosi. Il tecnico non ha voluto cambiare in tre giorni ciò che la squadra aveva fatto, ha riproposto lo stesso modulo con alcuni uomini diversi. Non ha potuto lavorare sugli schemi e sul modulo ma la cosa importante per un allenatore, come dico sempre, è leggere la partita e saper cambiare. Oltre al fatto che i tre subentrati hanno trovato il gol, c'è stata una ricerca dell'antidoto per un avversario che nel primo tempo ti ha messo in difficoltà. In campo, nei primi 45 minuti, stava meglio il Brescia ma nel secondo tempo con questi cambiamenti è cambiato tutto.

Onofri, poi, si complimenta con l'allenatore per la personalità dimostrata e per il lavoro svolto in pochissimo tempo: "Anche dalla Francia mi arrivano delle nozioni riguardo alla personalità di Thiago Motta al Psg non solo come giocatore ma anche come personaggio. Questo è un qualcosa che depone a suo favore in un'impresa che onestamente anche prima di iniziare era molto complicata: poco tempo per lavorare, giocatori che conosci poco, una situazione di classifica che aveva bisogno di uno scossone. Adesso un piccolo gradino è stato superato.”