Genoa, Blessin: "Adesso i regali facciamoli a noi stessi"

di Redazione

"Contro Verona e Lazio abbiamo sbagliato troppo. Bisogna evitarlo. Il Milan? Giocare contro una grande squadra è sempre un piacere"

Genoa, Blessin: "Adesso i regali facciamoli a noi stessi"

Alexander Blessin parte ancora una volta dall'attacco nel suo approccio alla partita con il Milan. Un attacco che deve tornare a segnare per mantenere vive le speranze di salvezza del Genoa.  "L'idea Ekuban c'è, nell'ultima gara ha giocato 45 minuti ed era in miglioramento. Piccoli nell'ultima gara ha fatto bene e c'è anche l'idea poter giocare con due attaccanti. Ma naturalmente quando si perde una partita con quattro gol è importante prima vedere gli errori che abbiamo commesso. Anche con il Verona e con la Lazio abbiamo fatto molti regali, ora bisogna cercare di evitarli, e e fare invece un regalo a noi stessi. Giocare contro una grande squadra come il Milan è sempre un piacere. Loro sono favoriti ma andremo lì per fare la nostra partita".

Il Genoa ha dimostrato di poter fermare big come Roma, Inter, l’Atalanta. MA anche stavolta servirà la stessa intensità. "Proprio così. Secondo i dati del GPS è stata una delle peggiori partite contro la Lazio. I dati li guardo volentieri, non mentono sia in modo positivo che negativo. Con i biancocelesti non c'è stata intensità ed è quello ci servirà per la partita di domani. Bisogna ritornare a quell'intensità che abbiamo messo in campo nelle altre partite. Con la Lazio abbiamo dato la sensazione di andare a fare pressing solitario mentre nelle altre gare avevamo dimostrato di poterlo fare tutti compatti ".

A centrocampo l'idea Frendrup se Sturaro non dovesse recuperare. "E' una possibilità, ci servono le corse in profondità. Sono molto importanti per il nostro gioco. Sturaro è un giocatore importantissimo ma deve essere al 100%. Se è al 60-70% va in difficoltà. Ora siamo sulla buona strada per recuperarlo il prima possibile. Galdames ha giocato contro l'Atalanta molto bene, ha giocato con una grande mentalità e con il cuore. Ha una buona visione di gioco. Frendrup ha dimostrato nelle due gare che giocato ha fatto molto bene. Quando ha giocato a sinistra non stato facile per lui, ma anche lui si sta allenando bene ed è sulla strada giusta. Sono contento di avere queste opzioni, ci penso. E' molto importante contro il Milan avere una squadra compatta che fa tutto insieme".

Poi un bilancio del lavoro settimanale. "E' stato molto importante parlarci. Ognuno si è preso le sue responsabilità. Nelle due partite ci sono stati fasi di gioco in cui abbiamo fatto bene ma anche fasi in cui non siamo riusciti a fare quello che siamo capaci. Anche dopo le otto gare positive all'inizio, ho sempre detto che non abbiamo ancora raggiunto niente. Dopo la prima vittoria c'è stata un po' troppa fiducia e pensavamo che magari le vittorie sarebbero venute da sole. Il secondo fatto può essere che siamo di nuovo vicini alla zona salvezza e ha magari ha messo in difficoltà i ragazzi dal punto di vista della testa. Questa settimana abbiamo fatto un'analisi insieme, le cose erano chiare. Sarà molto importante tornare a giocare in quel modo, quella è la nostra forza".