Trovato senza vita il fungaiolo disperso da ieri in Val Trebbia

di Michele Varì

Daniele Molinari, 54 anni, viveva a Pontedellolio (Pc). Aveva appena inviato la foto di un fungo ad un amico

Trovato senza vita il fungaiolo disperso da ieri in Val Trebbia

Trovato senza vita il fungaiolo disperso da ieri nei boschi dell'alta Val Trebbia.

L'uomo, Daniele Molinari, cinquantaquattrenne di Pontedellolio (Piacenza) potrebbe essere deceduto in seguito ad un malore, come ha ipotizzato il medico legale che ha svolto il riscontro cadaverico all'ospedale di Sestri Levante, dove nel primo pomeriggio è stato trasferito il cadavere.

La ferita riscontrata sulla testa dell'uomo potrebbe infatti essere stata causata dalla caduta dopo il malore. La prima ipotesi della caduta riferita dai soccorritori invece appare invece poco probabile visto che il punto dove è stato trovato il cinquantenne era abbastanza pianeggiante e non un dirupo.

A segnalare per primo il corpo è stato un altro cercatore di funghi, anch'egli nei boschi per lo stesso motivo per cui vi si era inoltrato Molinari.

A rinvenire e recuperare il cadavere sono stati pompieri, volontari del soccorso alpino, militi delle pubbliche assistenze e medici del 118.

La disgrazia è avvenuta sul versante di Rezzoaglio, dietro la locanda al Valico, nei pressi del laghetto detto Lago du Bettin, vicino al passo del Fregarolo.

Alle ricerche hanno preso parte anche una dozzina di pattuglie dei carabinieri delle compagnie di Chiavari e di Sestri Levante.

Daniele Molinari era scapolo e viveva con mamma e sorella: ieri nonostante l'allerta meteo si era inoltrato nei boschi alla ricerca di funghi.  I familiari non avevano sue notizie da mezzogiorno, ma hanno lanciato l'allarme alle 22.30.

L'uomo potrebbe essere caduto poco dopo avere raggiunto il punto in cui è deceduto: il suo cellulare infatti da mezzogiorno in poi non ha ma risposto alle chiamate. L'ultimo suo messaggio ad un amico a cui ha inviato la foto di un fungo appena raccolto.