Fedez: "Ho detto sì a Sanremo perché si può cambiare idea, è un palco prezioso"

di Redazione

Sulla pubblicazione sui social dei 10 secondi di" Chiamami per nome", il brano sanremese poteva costare la squalifica alla coppia

Fedez: "Ho detto sì a Sanremo perché si può cambiare idea, è un palco prezioso"

In passato Fedez aveva dichiarato che a Sanremo non sarebbe voluto andare perché "serviva solo a chi ne ha bisogno e quando ci sono problemi". Quest'anno invece nella lista dei 26 big c'è anche lui, e non si tira indietro. "Sì, è vero. L'ho detto, ma sono dichiarazioni di cinque anni fa e in cinque anni si cambia ed è cambiato anche il festival - racconta il rapper, che sarà in gara con Francesca Michielin -. La svolta c'è stata con Ultimo e con Mahmood, tira un'aria diversa. E poi è innegabile che i problemi, per l'industria discografica, ci siano dopo un anno di stop. Sanremo in questo momento è un palco prezioso". Sulla pubblicazione sui social dei 10 secondi di Chiamami per nome, il brano sanremese, che poteva costare la squalifica alla coppia, Fedez assicura che non è stata una mossa strategica, ma un "errore tragicomico, che racconterò dopo il festival per non peggiorare le cose. Mi sono già scusato con Francesca e poi anche con Amadeus e con la Rai per aver creato un ulteriore problema".

Vincitori annunciati? Macché, noi andiamo per goderci il nostro Sanremo e per divertirci". Francesca Michielin e Fedez, in coppia al Festival di Sanremo con il brano "Chiamami per Nome", non vogliono farsi condizionare dalle aspettative e dai pronostici a scatola chiusa della vigilia. "I pregiudizi, nel bene o nel male, non hanno senso", dicono. Il brano, scritto da loro due con Davide Simonetta, Alessandro Mahmoud, Alessandro Raina e prodotto da d.whale, segna il ritorno insieme dei due artisti dopo i successi di Magnifico e Cigno Nero. Per Francesca, che già ha partecipato al Festival arrivando seconda nel 2016 (e partecipando all'Eurovision Song Contest), è un ritorno all'Ariston, per Federico (nome all'anagrafe di Fedez) è una prima volta. "E una certa ansietta ce l'ho, ma ho scelto la terapia d'urto", ammette. Per Fedez nessun progetto discografico all'orizzonte ("non volevo nessun tipo di corollario rispetto al festival e non so cosa verrà dopo, mi godo il percorso"), mentre Francesca pubblicherà il 5 marzo Feat. fuori dagli spazi, una sorta di riedizione dell'album ("un progetto collettivo, concepito a capitoli") uscito a inizio pandemia. "Dal 25 febbraio, poi, giorno del mio compleanno, esce il mio primo podcast: ci interrogheremo sulle donne e sulle loro battaglie oggi". I due sono stati protagonisti anche dell'immancabile polemica pre-festival, con la pubblicazione sui profili social di Fedez di 10 secondi di canzone, per la quale hanno rischiato la squalifica. "Non mi sono arrabbiata e ritengo una cattiveria dire che è stato fatto per far parlare di noi", è l'assoluzione della cantante.