Fernando Vasile, il ragazzo scomparso, viveva da anni a Genova ed era benvoluto

di Redazione

I commercianti di piazza Dante lo descrivono come una persona gentile, mai invadente. A portarlo in Liguria un litigio con la madre

Fernando Vasile, il ragazzo scomparso otto anni fa da Palombara vicino Roma quando aveva 16 anni, viveva a Genova ormai da anni. "Un ragazzo tranquillo che viveva in compagnia del suo cane - ripetono i commercianti di piazza Dante dove chiedeva l'elemosina - non ha mai dato fastidio a nessuno, non era insistente".

Prima ha girato un po' tutta l'Italia fino ad approdare sotto la Lanterna dove bazzicava la zona del centro, sotto i portici per ripararsi dal vento, dalla pioggia e dal caldo. "C'era una signora - racconta la tabaccaia di via Dante - che gli portava il cibo per il cane. Ognuno gli dava qualcosa perché era sempre gentile, educato. Fernando non beveva e non ha mai avuto un problema con la droga.

E' un ragazzo a posto. La sua figura ci mancherà". Il giovane e' tornato con gli zii nel Lazio. A quanto pare, otto anni fa si sarebbe allontanato da casa dopo un litigio con la mamma. Lui era arrivato in Italia dalla Romania qualche anno prima la scomparsa. "Era lo zio che aveva preso il posto del papà - racconta un clochard della zona che lo conosceva - me lo aveva raccontato tempo fa. Era molto legato allo zio"