False residenze per non pagare l'Imu, scoperti evasori anche in Liguria

di Edoardo Cozza

Operazione della guardia di finanza: 160 persone vivevano in comuni liguri, lombardi o altre località piemontesi, ma si dichiaravano residenti in paesi dell'Alta Val di Susa

False residenze per non pagare l'Imu, scoperti evasori anche in Liguria

Lavoravano e vivevano abitualmente con la loro famiglia in Liguria, Lombardia o altre località piemontesi, ma si dichiaravano residenti in alcuni comuni dell'alta Val di Susa, in provincia di Torino, per non pagare l'imposta sugli immobili come residenza diversa dalla prima casa: è questo il risultato dell'operazione 'Altera Domi', portata avanti dalla guardia di finanza con la collaborazione degli uffici tributi di Bardonecchia, Oulx, Sauze d'Oulx, Cesana Torinese, Sauze di Cesana, Sestriere, Claviere e Pragelato. 

Sono 160 le persone scoperte a portare avanti questo meccanismo, con un'evasione accertata di oltre 800mila euro. Finora sono stati recuperati 550mila euro, che verranno utilizzati per iniziative solidali e sociali per i cittadini che hanno subito danni a causa delle lunghe restrizioni anti-covid.