Condividi:


F1,vince la Red Bull con Verstappen. Disastro Ferrari

di Redazione

Hamilton penalizzato perde il terzo posto, seconda Toro Rosso Gasly

Max Verstappen ha vinto il Gran Premio del Brasile di Formula 1. Terza la Mercedes di Lewis Hamilton dietro alla Toro Rosso di Pierre Gasly, seconda. Quarta posizione nel Gran Premio del Brasile per la McLaren di Carlos Sainz davanti alle Alfa Romeo Racing di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi. Settima piazza per la Renault di Daniel Ricciardo che ha preceduto la McLaren di Lando Norris e la Racing Point di Sergio Perez. Chiude la top ten la Toro Rosso di Daniil Kvyat.

 ''E' una situazione da analizzare, siamo tutti e due dispiaciuti per il team, lui ha provato ad andare verso l'interno. L'episodio non condiziona il nostro rapporto, siamo abbastanza maturi''. Così Charles Leclerc dopo l'incidente nel finale del Gp del Brasile con il compagno Sebastian Vettel che ha estromesso entrambe le Ferrari. ''Sono molto dispiaciuto - aggiunge Leclerc ai microfoni di Sky - ma sono sicuro che i rapporti con Seb resteranno invariati''.

''Siamo delusi e dispiaciuti, i due piloti si devono rendere conto che hanno danneggiato l'intera squadra. Erano liberi di gareggiare tra di loro, però sono piccoli errori che si pagano come squadra e non va bene''. Il team principal della Ferrari Mattia Binotto bacchetta entrambi i suoi piloti, Vettel e Leclerc, dopo il pasticcio nel finale del Gran Premio del Brasile che estromesso entrambe le Ferrari. ''Ognuno di loro - aggiunge ai microfoni di Sky - avranno una parte di colpa''.

''Credo che sia un peccato per la squadra, avremmo potuto ottenere un risultato migliore e, secondo me, l'avremmo meritato oggi. Eravamo in lotta tra di noi alla chicane, una lotta abbastanza aggressiva. Ero uscito meglio alle curva due o tre, pensavo di essere già passati e non so perché ci siamo toccati. Questo ha chiuso la gara di entrambi, purtroppo''. Ecco la versione di Sebastian Vettel ai microfoni di sky dell'incidente con il compagno Leclerc. Lo hai chiuso in rettilineo? ''Lui stava andando dritto, quindi''.

Costa cara la manovra al limite di Lewis Hamilton che nel finale del Gp del Brasile ha speronato la Red Bull di Alexander Albon. Il campione del mondo inglese arrivato terzo al traguardo è stato penalizzato di cinque secondi e così si vede costretto a scendere dal podio sul quale sale Carlos Sainz (McLaren). Le Alfa Romeo Racing sono di conseguenza rispettivamente quarta con Kimi Raikkonen e quinta con Antonio Giovinazzi. La Renault di Daniel Ricciardo è sesta davanti proprio a Hamilton retrocesso al settimo posto.