Condividi:


Coronavirus, la Procura di Genova verifica i dati inviati al Ministero della Salute

di Redazione

In corso la verifica per capire se i numeri che hanno consentito alla Liguria di entrare in fascia gialla siano corrispondenti alla realtà

Anche i dati trasmessi da Genova a Roma per la determinazione delle zone di rischio, con le relative misure per il contenimento del Coronavirus, finiscono sotto la lente della procura di Genova. "Stiamo verificando cosa sia stato inviato al ministero della Salute - spiega una fonte investigativa - e se siano dati corrispondenti alla realtà del nostro territorio". La Liguria lunedì è stata inserita in fascia gialla, quella a basso rischio. La procura nei giorni scorsi aveva aperto una inchiesta "conoscitiva", senza ipotesi di reato, dopo le immagini di pazienti in ambulanza in attesa per ore prima di essere visitati negli ospedali per verificare se un piano anti Covid è stato messo a punto nei tempi previsti.

Nei giorni scorsi, nel mirino degli investigatori era finita Alisa, l'agenzia della sanità della Regione. Gli inquirenti vogliono capire se, a fronte delle previsioni dell'arrivo di una seconda ondata e dell'aumento esponenziale di casi già da settembre, la struttura sanitaria abbia messo in piedi il piano per affrontare la pandemia anche approntando strutture esterne dove ricoverare i casi meno gravi.