Chiavari, due milioni di euro per la manutenzione del palasport di Sampierdicanne

di Redazione

I lavori potrebbero partire dall'estate del 2020

Chiavari, due milioni di euro per la manutenzione del palasport di Sampierdicanne

Il progetto definitivo di manutenzione straordinaria del Palazzetto dello Sport di Sampierdicanne a Chiavari, che prevede efficientamento energetico e miglioramento delle caratteristiche della struttura e degli impianti, ha ricevuto l'autorizzazione da parte della giunta comunale Di Capua. Le opere principali riguarderanno la bonifica del manto di copertura e censimento dei materiali contenenti amianto, la ristrutturazione degli spogliatoi e il rifacimento degli impianti idrosanitari, termici e elettrici in modo conforme ai livelli di funzionalità e igiene stabiliti dal Coni, la riorganizzazione di spazi e arredi l'ottimizzazione della struttura. L'importo complessivo per i tre lotti d'intervento, informa in una nota il Comune, è di poco superiore ai 2 milioni di euro.

"Nuova vita per un impianto sportivo fondamentale per Chiavari e le numerose associazioni cittadine - spiega il sindaco Marco Di Capua - E' un impegno concreto da parte della mia amministrazione, come già avvenuto per il campo di colmata mare e le palestrine di via Gastaldi. Il progetto complessivo di manutenzione straordinaria del Palazzetto dello Sport verrà realizzato per lotti funzionali d'intervento: il primo, che interesserà il rifacimento del tetto, la sostituzione della caldaia e la creazione di un nuovo impianto solare termico e fotovoltaico, una volta bandita la gara entro il 2019, partirà entro l'estate 2020. Abbiamo inoltre partecipato al bando del Ministero dello Sviluppo Economico relativo agli incentivi destinati a fonti rinnovabili e alla possibilità di ottenere finanziamenti per la rimozione di coperture in amianto e installazione di impianti fotovoltaici".

Il secondo lotto prevederà "la 'rifunzionalizzazione' degli spazi interni, come le docce e gli spogliatoi, l'installazione di un nuovo impianto di riscaldamento, opere di messa in sicurezza dal rischio idrogeologico e opere strutturali per il miglioramento sismico - dice ancora il sindaco - Infine, ultimo step, l'efficientamento dell'involucro edilizio con la realizzazione di un cappotto e di opere strutturali per il miglioramento sismico, la ventilazione di tutte le facciate e la sostituzione degli infissi".