Autostrade chiuse per neve: "Misura che tutela solo i concessionari"

di Redazione

Il Comitato Salviamo Genova e la Liguria: "Hanno chiuso le tratte e il problema è rimasto fuori: i danni li paga l'economia ligure"

Autostrade chiuse per neve: "Misura che tutela solo i concessionari"

Tratti autostradali e caselli chiusi causa neve e informazioni arrivate solo all'ultimo minuto alle associazioni. Il Comitato Salviamo Genova e la Liguria, composto dalle associazioni economiche genovesi e liguri, commenta la situazione che si è verificata questa mattina con la nevicata, che ha messo in difficoltà il mondo dell'autotrasporto.

"La nevicata di questa mattina era prevista da giorni, eppure società Autostrade non è stata in grado di garantire la regolare mobilità agli utenti e per il sistema economico - attacca una nota del Comitato - Dopo quanto accaduto il 4 dicembre le associazioni si aspettavano un coordinamento efficace da parte del Cov, il Comitato operativo per la viabilità, sia delle attività di prevenzione, pulizia e manutenzione del manto autostradale sia del sistema informativo e di aggiornamento. La scelta di chiudere le tratte autostradali è solo un'autotutela per i concessionari".

La situazione intorno alle 10 si è normalizzata ma per i tir è stata una mattinata pesantissima. "L'unica differenza rispetto a inizio dicembre è che questa volta hanno chiuso l'autostrada, così il problema è rimasto fuori - spiega Giuseppe Tagnochetti, coordinatore di Trasportounito Liguria e uno dei portavoce del Comitato Salviamo Genova e la Liguria - Come associazioni di categoria non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione ufficiale dal Cov. Solo stamattina è arrivata da Autostrade quella della chiusura. Per l'autotrasporto e l'economia ligure i danni si sommano".

Il Comitato chiede la partecipazione delle associazioni degli utenti e degli operatori alla pianificazione, con l'inserimento nel Cov, previsto ma non ancora attuato: "Il mancato coinvolgimento continua a determinare azioni non efficaci perché non orientate ai reali fabbisogni di chi quotidianamente utilizza le infrastrutture"