Condividi:


A26. Scende dalla macchina per fare pipì e precipita da un viadotto: è grave

di Michele Varì

Masone. Automobilista trentenne in ospedale dopo volo di sette metri

Viadotti autostradali sempre al centro della cronaca e sempre più nell'immaginario collettivo legati a disgrazie e paure. Ieri sera un automobilista franco algerino di 35 anni diretto verso la Francia è precipitato dal viadotto San Pietro di Masone dove si era avventurato per fare pipì nonostante il buio gli impedisse di vedere dove si trovasse. L'uomo, a dire della polizia stradale, ha fatto l'errore di scavalcare il guard raill senza accorgersi che aldilà ci fosse il vuoto: è volato per circa sette metri ed è finito in una strada, nel comune di Masone, appunto in località San Pietro. L'allarme è stato lanciato da un compagno di viaggio che era con lui: sul posto tre squadre dei vigili del fuoco, giunte da Genova e da Ovada, polizia stradale e medici del 118. L'uomo, soccorso da Masone e prelevato grazie ad una barella toboga, è apparso subito molto grave ed è stato intubato e portato al pronto soccorso del San Martino di Genova in codice rosso. Dopo una delicata operazione chirurgica resta in terapia intensiva e rischia la paralisi agli arti inferiori.