Tags:

a26 masone ovada

A26, cavi penzolano da una galleria, sui social è subito psicosi

di Redazione

Sono solo dei fili strappati da un tir, ma sul web scatta allarme per cedimenti strutturali

A26, cavi penzolano da una galleria, sui social è subito psicosi

Ormai in autostrada ogni inconveniente fa paura, stamane sono bastati due cavi penzolanti dalle volte di una galleria della A26 a fare scattare la psicosi per un cedimento strutturale.

E' successo nel tunnel Montà, fra Ovada e Masone, sulla carreggiata in direzione di Genova, lì due cavi elettrici si sono staccati, forse strappati da un tir con un carico troppo alto, e sono rimasti penzoloni nel vuoto. Le segnalazioni degli automobilisti che sono arrivate alla stradale però erano condite di ipotesi angoscianti, come dimostrano alcuni post sui social che parlano di crolli imminenti e altre tragiche suggestioni.

Niente di tutto questo. Dalla stradale ribadiscono: "Sono solo due fili elettrici che si sono staccati e stanno già per essere ricollocati nella guaina che scorre lungo la galleria".

Per effettuare i lavori sul tratto interessato si sono formate code di due km in direzione Genova. Ed è questo l'unico vero problema per gli automobilisti. Vero è che nello stesso tratto c'è il viadotto Pecetti, uno di quelli interessati dai report taroccati dai funzionari di Autostrade dopo il crollo di Ponte Morandi, ma da qui a gridare al cedimento strutturale per due fili penzolanti ce ne passa.