Tags:

Le disposizioni

A Genova riaprono Corso Italia, le passeggiate ed i cimiteri, interdette spiagge e scogliere: le misure del Comune

di Antonella Ginocchio

Il sindaco Bucci ha illustrato l’ordinanza anche con un post su Facebook

A Genova riaprono Corso Italia, le passeggiate ed i cimiteri, interdette spiagge e scogliere: le misure del Comune

Da questa mattina è in vigore un’ordinanza che stabilisce alcune regole e limitazioni per il nostro Comune”, lo ha detto il sindaco di Genova, Marco Bucci, che ha illustrato il contenuto dell'ordinanza anche con un articolato post su Facebook. Vediamolo. Spiagge, scogliere e arenili restano interdetti. Si può accedere esclusivamente per la pratica dell'attività sportiva come individuata dall'ordinanza della Regione Liguria numero 25/2020 (windsurf, canoa, subacquea)

Riaprono al pubblico cimiteri, parchi e passeggiate (compreso corso Italia lato mare e Boccadasse. ❗L’uso delle mascherine è fortemente raccomandato nelle aree al di fuori della proprietà privata ed è obbligatorio in parchi, giardini comunali, ville pubbliche, cimiteri, locali privati ad uso pubblico, locali adibiti ad attività commerciali, mezzi di trasporto pubblico.

Le mascherine sono obbligatorie anche nelle passeggiate per attività motoria, ma non per chi pratica attività di carattere sportivo, come corsa e bicicletta, fatta eccezione per quelle aree dove è prevista per tutti l'obbligatorietà (come i parchi).

Possono essere utilizzate mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

Le aree gioco resteranno interdette e i giochi saranno circondati con il nastro bianco e rosso.

Il sindaco puntualizza che “ Gli agenti della Polizia locale vigileranno sul rispetto delle disposizioni ed, eventualmente, eleveranno sanzioni. I volontari della Protezione civile saranno a disposizione della cittadinanza per informazioni sulle misure che devono essere adottate”.