Tpl, Giovannini: "Equilibrio tra pianificazione, riforme e investimenti"

di Edoardo Cozza

Secondo il ministro sono i tre pilastri su cui porre l'accento: "Combinarli, però, non è semplicissimo"

Tpl, Giovannini: "Equilibrio tra pianificazione, riforme e investimenti"

Serve un equilibrio tra "pianificazione, riforme e investimenti", i "tre pilastri" per un "salto di qualità" su infrastrutture, trasporti, mobilità sostenibile, ribadisce il ministro Enrico Giovannini, che - intervenendo al convegno per il trentennale di Agens, l'Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi del sistema di Confindustria - sembra porre l'accento soprattutto sul tema delle riforme, dal Trasporto pubblico locale alla rigenerazione urbana. Sono i "tre pilastri", "ugualmente importanti", anche se "combinarli non è semplicissimo", ribadisce il ministro, su cui "si evolve" il nuovo allegato Infrastrutture e Trasporti al Documento di Economia e Finanza.

E sul fronte delle riforme, il ministro si sofferma sulla legge delega per il Tpl, e sulla necessità di creare le condizioni per far fare alle aziende del trasporto pubblico locale "le capacità di fare il salto tecnologico e organizzativo che è richiesto"; "perché una riforma non è soltanto aggregazioni, ma anche salto tecnologico" serve "un quadro regolatorio in grado di consentire alle imprese di offrire molto di più, perché noi siamo sotto gli altri Paesi in termini di uso del trasporto pubblico locale, quindi abbiamo veramente la necessità dio fare un grande salto, come quello sulla mobilità delle merci". Ma "le riforme non sono soltanto sul lato dei trasporti o della mobilità", evidenzia Giovannini: ci sono anche riforme come quella sulla rigenerazione urbana "che è ferma in Parlamento a causa dei contrasti tra noi e il ministero dell'Economia e delle Finanze: non dico nulla di particolare, è uscito già sui giornali. Noi stiamo tentando in tutti i modi di spingere in questa direzione, superando una serie di resistenze, perché senza rigenerazione urbana non c'è un ripensamento della mobilità". C'è poi "il tema dei rapporti tra le parti sociali, cioè del contratto che non si riesce ad avviare. Io quindi invito, e non è la prima volta - dice ancora il ministro - le associazioni imprenditoriali a sedersi a tavolo con le organizzazioni sindacali"