Condividi:


Spezia, Lombardi: "L'ordinanza Umbertino? Immotivata e di un razzismo strisciante"

di Marco Innocenti

"Secondo noi si è solo deciso di ghettizzare una zona della città, senza alcuna motivazione"

La situazione dei contagi nella città di Spezia preoccupa e non poco. Le ultime misure messe in atto dal sindaco Peracchini, però, non convincono l’opposizione. “Speriamo in un calo dei contagi – ha detto Massimo Lombardi di Spezia Bene Comune - ma se analizziamo i numeri sono preoccupanti. Fra l’altro, da contatti diretti con chi effettivamente lavora in ospedale ci risulta che i dati non contino proprio tutti i casi, visto che alcuni sono stati trasferiti su Genova. La nostra città deve insomma stare attenta perché pare di essere tornati ad una fase più rischiosa”.

L’attenzione della città, nelle ultime ore, si è poi concentrata sull’ultima ordinanza che ha riguardato soprattutto il quartiere Umbertino: “Quell’ordinanza l’ho definita un abominio giuridico – rincara la dose Lombardi - Nella prima fase, l’ordinanza 59 era priva di motivazione poi è arrivato il nuovo provvedimento, illogico e carente di motivazione. Non si può affermare che in quelle vie, così ampie, non si possa tenere il distanziamento. Piuttosto secondo noi si è deciso di ghettizzare quella zona della città perché il camper per fare i tamponi è stato allestito solo lì e in quel momento. E’ stato quindi normale che gli abitanti sono corsi a farlo e questo ha causato uno sbilanciamento di positivi in quella zona. L’ordinanza dovrebbe essere revocata perché priva di un valido fondamento giuridico. Alla base di un provvedimento deve esserci sempre un valido motivo. E’ un’ordinanza strumentale che ghettizza un quartiere e che è ai limiti di un razzismo strisciante”.

“Anche i commercianti sono molto preoccupati  - conclude Lombardi - In quella zona ci sono piccole botteghe che hanno bisogno di essere frequentate. E’ consentito il transito ma non la sosta e questo ha portato i cittadini a preferire altre zone della città. Per me è incomprensibile e, nelle leggi, va sempre data una motivazione logica e fattuale. Che qui manca del tutto”.