Savona, anche 'Spiderman' ha il covid: "Problemi per fare un tampone, che disorganizzazione!"

di Edoardo Cozza

Mattia Villardita, eroe dei più piccoli ormai noto in tutta Italia, lamenta i problemi burocratici per i test in un lungo sfogo su Facebook. Poi il chiarimento

Savona, anche 'Spiderman' ha il covid: "Problemi per fare un tampone, che disorganizzazione!"

Mattia Villardita, lo Spiderman savonese noto per le sue apparizioni televisive e, soprattutto, per il suo impegno nel sociale con tante visite negli ospedali dove riesce ad allietare i pazienti più piccoli, è positivo al covid. La disavventura che ha colpito il 'supereroe', però, non è tanto la positività al virus, quanto il disservizio che ha lamentato con un lungo post su Facebook“Scusate per lo sfogo. Oggi mi sento abbandonato. È una settimana che aspetto con pazienza che la burocrazia faccia il suo corso senza successo. Stamattina ho effettuato 200 chiamate al centralino covid dell'Asl senza riuscire ad avere un briciolo di contatto con qualcuno. Dopo essere stato segnalato da infermiere del lavoro e medico di base, speravo per lo meno che nel giro di qualche giorno qualcuno si facesse sentire. Così non è stato. Vi prendete il Covid? Sono c***i vostri! Chiusi in casa senza nessun tipo di supporto o qualcuno che ti dica cosa fare e come comportarti. Questo è il momento che stiamo vivendo in molti” è il clamoroso sfogo di Villardita.

"Così non va bene. Le regole devono cambiare. Le persone sono stufe. Sembra di vivere un incubo più che una malattia. Oltre i sintomi che attualmente ho – conclude Spiderman sul social -  che sono mancanza di olfatto e gusti, tosse e qualche dolorino sparso qua e là, vi dico che con la nuova variante che chiamerò "Spiderman", se ne aggiungono altri due: Sangue marcio che fate venire e giramento di c******i. Dico solo che il circo è più organizzato! VERGOGNA!”. 

Poco dopo ecco un posto di chiarimento dove correggete un po' il tiro: "Per evitare fraintendimenti ci tengo particolarmente a chiarire il mio sfogo di oggi:
Non ce l'ho assolutamente con i dipendenti dell'Asl2 con cui ho un buonissimo rapporto da sempre. Il messaggio non voleva essere 'io sono Spiderman allora devo averlo il prima possibile'. Io non sono nessuno, solo una persona come le tante che di questo periodo è positiva e deve affrontare un percorso burocratico poco efficiente. Un ufficio tamponi aperto dalle 9 alle 14 in piena ondata pandemica non è accettabile come non lo sono le code di ore e ore di macchina per poter fare un molecolare. Qualcosa deve cambiare per far sì che la gente non debba sfinirsi per cercare di capire da che parte deve girarsi per poter semplicemente rispettare le regole".
 
Insomma, anche Spiderman deve fare i conti con qualche problema burocratico, che però dovrebbe essere stato ormai risolto: Villardita, secondo fonti dell'Asl2, ha già ricevuto la comunicazione della data in cui fare il tampone.