Condividi:


Porto di Genova, una nave con 100 posti letto per i malati in via di dimissione

di Marco Innocenti

Servirà un protocollo di sicurezza per medici e personale di bordo

Non sarà una nave ospedale, men che meno una sorta di lazzeretto come qualcuno l'aveva già bollata. La soluzione che è allo studio di Regione Liguria è quella di allestire una nave da crociera o un traghetto come luogo isolato per accogliere i malati in via di dimissione o coloro che, dopo essere guariti, non hanno la possibilità di ricevere la necessaria assistenza a casa propria. La conferma è arrivata dallo stesso presidente Toti che, insieme ai medici di Asl3, di Alisa e degli ospedali della nostra regione, sta valutando la fattibilità del progetto, dopo aver trovato l'appoggio della compagnia di navigazione Msc.

La nave, che resterebbe nel porto di Genova, potrebbe garantire un centinaio di posti letto, alleggerendo così la pressione sugli ospedali. Le situazioni da definire, però, sono ancora molte: c'è ad esempio da redigere un protocollo di comportamento per tutto il personale, medico e non solo, che dovrà essere presente sulla nave per garantire l'assistenza e tutte le necessità quotidiane ai pazienti.