Condividi:


Ponte, riaperta alle 7.30 una corsia di via Fillak

di Redazione

La cerimonia alla presenza del governatore Toti e del sindaco Bucci, "promessa mantenuta"

E’ stata riaperta alle 7.30 una corsia di via Fillak, a Certosa, chiusa dal giorno del crollo del ponte Morandi.

La cerimonia si à svolta alle 7.30 alla presenza fra gli altri del sindaco Marco Bucci e del governatore della Liguria Giovanni Toti.

Era stato il primo citattadino e commissario straordinario per la ricostruzione del Ponte a promettere per oggi, in occasione del primo giorno del nuovo anno scolastico, la rimozione delle macerie e l’apertura di una corsia della strada che unisce Sampierdarena e Certosa al resto della Valpolcevera.

Il primo passo per cancellare l’isolamento della vallata a monte di ponte Morandi era avvenuto con l’apertura di una strada, un by pass, in via Porro,  che aggirava la montagna di macerie di via Fillak.

Il primo commento del sindaco Bucci: "cel'abbiamo fatta, la strada mi sembra in in ottime condizioni, ci saranno ancora due o tre settimane di lavoro, ma ora c'è un anello con il by pass di via Porro di circa 300 metri può essere circolato da tutti, manca solo una corsia di via Fillak e saremo tornati alla quasi normalità. Questo anche grazie alle collaborazione dei cittadini delle zone limitrofe, della zona arancione, che hanno sopportato una settimana di lavoro duro, e questo dimostra  che lavorando tutti insieme si raggiungono i risultati. Molta gente non vede bene queste persone, ma ricordiamo che hanno sofferto più di tutti gli altri visto che sono le persone interferite dal cantiere, quindi dobbiamo strargli vicino, noi lo abbiamo dimostrato, e ora tutta la città lo deve dimostrare, vogliamo tornare alla normalità e avere una città migliore di quella che avevamo prima. qui c'è la possibilità di fare un bel lavoro, oggi è una bella giornata, è lunedì, c'è il sole, i bambini, anzi i ragazzi, vanno a scuola, siamo contenti".

Il prossimo appuntamento per la rinascita della Valpolcevera, ha aggiunto Bucci, sarà la posa del primo implacato del nuovo ponte: "sarà il 30 o l'1 ottobre, e vedremo quale è il giorno migliore, nel frattempo avremo, giovedì, l'apertura del Salone con l'arrivo del ministro che viene a trovarci e la possibilità di parlare con lui. Sono sicuro che tutti ci aiuteranno come è stato fatto sino ad oggi". Per le macerie Bucci ha anticipato una soluzione per portarle via senza creare altri disagi agli abitanti: "Ma è presto per parlarne ora"

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Totti ha commentato così la riapertura della corsia: "Apre e non chiuderà più nonostante il complesso cantiere, è un segnale per la città, non è banale nè scontato che avvenga nel primo giorno di scuola. Ovviamente è l'ultima stagione che viviamo in questa situazione, i lavori proseguono nei tempi previsti e pertanto nella primavera prossima ci sarà un nuovo viadotto eppoi inizieranno i lavori per quel grande parco urbano che dovrà sorgere al di sotto, in quel momento la tragedia di ponte Morandi si sarà trasformata in qualcosa di rilancio e di positivo per questa intera area".