Maturità in Liguria, l'esame torna in presenza per 12mila studenti: le tracce per la prova d'italiano

di Marco Innocenti

Da Verga a Pascoli, dall'iperconnessione con la linguista Vera Gheno al discorso alla Camera del premio nobel per la fisica Giorgio Parisi:

Maturità in Liguria, l'esame torna in presenza per 12mila studenti: le tracce per la prova d'italiano

E' il giorno fin qui più importante della loro carriera scolastica, per 12mila studenti liguri inizia oggi l'esame di maturità, seimila dei quali nella città di Genova. Ancor più perché si torna all'esame con la doppia prova scritta in presenza e, come da consuetudine, si parte con il tema d'italiano. All'apertura delle buste arrivate dal ministero, avvenuta esattamente alle 8.30 in ogni scuola, le tracce proposte ai maturandi hanno spaziato dalla poesia "La via ferrata" di Pascoli, contenuta nella raccolta "Myricae" alla novella "Nedda, bozzetto siciliano" di Giovanni Verga, per arrivare ad un brano del saggio scritto da Gherardo Colombo e Liliana Segre dal titolo "La sola colpa di essere nati".

Accanto a questi, poi, anche un estratto del discorso del premio Nobel per la fisica Giorgio Parisi, tenuto alla Camera nel 2021 e il tema della pandemia e delle sue conseguenze sulla salute del nostro pianeta partendo dal testo "Perché una Costituzione della terra?" di Luigi Ferrajoli. Per finire con l'analisi di un testo di Oliver Sacks dal titolo "Musicofilia" e il tema dell'iperconnessione, attraverso un estratto del libro della linguista Vera Gheno "Tienilo acceso: posta commenta condividi senza spegnere il cervello".