Liguria a Dubai, Messina: "DP World può investire da noi. Caro-carburante: siamo già in perdita"

di Edoardo Cozza

1 min, 2 sec

Qui in tripla veste (Ignazio Messina&C., Assarmatori, Camera di Commercio Genova), l'imprenditore commenta la visita istituzionale e analizza l'attuale situazione della Blue economy

Alla due giorni ligure a Dubai ha partecipato anche Stefano Messina, presidente di Assarmatori. "Sono due giorni interessanti, è stata un'ottima organizzazione. Come imprese stiamo vagliando le opportunità e noi come Ignazio Messina siamo molto attivi in questo territorio, abbiamo una squadra operativa e che rappresenta una delle organizzazioni leader per collaborare con i clienti di questa zona o che esportano qui.
Le imprese hanno ampio margine per investire qui, ci sono spazi logistici e oggi sarà dirimente l'incontro con DP World, che rappresenta un punto di riferimento mondiale".

"Finora DP World non ha mai investito in Italia, lo ha fatto in Europa, è un leader mondiale e tra i nostri obiettivi istituzionali, che speriamo aprano opportunità di business, abbiamo quello di valutare che spazi ci possano essere, anche perché in infrastrutture e logistica servono investimenti esteri, a patto che vengano rispettate tutte le regole di mercato".

"Sul caro-prezzi dei carburanti c'è poco da dire: in Italia siamo preoccupati, perché a livello internazionale la situazione è ancora abbastanza gestibile. Ma nel cabotaggio, nelle autostrade del mare in Italia siamo già a margini negativo: i prezzi dovranno aumentare perché sennò saremo in perdita operativa e lo siamo già".