La sfida del Pnrr, Gelmini: "La Liguria ha scelto il metodo giusto: coinvolgimento e collaborazione"

di Marco Innocenti

"Già ripartite molte risorse: le intese degli ultimi 4 mesi hanno riguardato i treni regionali, il settore portuali e la mobilità ciclistica"

La sfida del Pnrr, Gelmini: "La Liguria ha scelto il metodo giusto: coinvolgimento e collaborazione"

"La Liguria si è già data il metodo giusto per affrontare la sfida che il Pnrr ci mette davanti". A dirlo è il ministro per le regioni e le autonomie Maria Stella Gelmini, intervenuta in video conferenza all'evento Restart Liguria, organizzato dalla Regione a Palazzo Ducale per discutere delle procedure relative all'utilizzo del Piano di ripresa e resilienza. "Questa è una giornata importante per il metodo che propone, coerente con le finalità che ci siamo posti all'interno del Pnrr: non vogliamo che sia il piano del governo ma di tutto il paese, grazie ad un coinvolgimento con leale collaborazione a tutti i livelli, anche con le associazioni di categoria, i sindacati, l'università e le camere di commercio. A giudicare da quello che vedo in questa sala, è il metodo che la Liguria si è data".

"Siamo già in una fase operativa - ha aggiunto - All'interno della Conferenza Stato-Regioni abbiamo già ripartito molte risorse ad esempio del ministero della mobilità sostenibile: ci sono 2 miliardi per bus e treni locali e regionali, con i quali abbiamo quasi completato la distribuzione di risorse per tutti gli obiettivi di questo ministero. Le intese degli ultimi 4 mesi hanno riguardato i treni regionali, il settore portuali e la mobilità ciclistica. Anche la Liguria quindi ha tutto il diritto di cogliere il massimo delle opportunità".