Istituto Gaslini di Genova, il ministero conferma il riconoscimento come Irccs

di Marco Innocenti

32 progetti di ricerca per 7,5 milioni di euro di finanziamenti fra il 2017 e il 2019. Toti: "L'ennesimo riconoscimento di un grandissimo lavoro"

Istituto Gaslini di Genova, il ministero conferma il riconoscimento come Irccs

Il Ministero della Salute ha confermato il riconoscimento di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) per la disciplina materno-infantile all'Istituto Giannina Gaslini. Lo comunica lo stesso Istituto pediatrico. "Il rinnovo della qualifica - ha detto Edoardo Garrone, presidente dell'Istituto Gaslini, a margine della Giornata della Ricerca, celebrata presso l'Aula Magna dell'ospedale pediatrico ligure - è stato ottenuto dopo una profonda analisi da parte dalla commissione di valutazione del Ministero, che ha richiesto all'ospedale la produzione di una considerevole quantità di dati sull'attività di ricerca. La commissione ha anche esaminato e apprezzato il nuovo Piano strategico dell'Istituto, proiettato verso l'innovazione in molti settori, incluso quello della ricerca".

Il Gaslini "è una delle eccellenze di maggior rilievo e prestigio della nostra terra - ha detto il governatore ligure e assessore alla Sanità Giovanni Toti - La conferma della qualifica di Ircss rappresenta l'ennesimo riconoscimento del grandissimo lavoro che l'Istituto e gli straordinari professionisti che vi operano portano avanti da anni per la cura dei piccoli pazienti".

L'annuncio della conferma del carattere scientifico dell'Istituto coincide con l'organizzazione della Giornata della ricerca, nel corso della quale sono stati presentati i 32 progetti finanziati con i fondi del 5x1000 nel triennio 2017-2019. "Il finanziamento complessivo erogato è di 7,5 mln di euro - ha spiegato Renato Botti, direttore generale dell'Istituto Gaslini - Con questi fondi saranno reclutati giovani ricercatori e alcune figure di supporto alla ricerca, come bioinformatici e biostatistici. Vi sarà, inoltre, la possibilità di aggiornare le apparecchiature scientifiche con nuove acquisizioni".

I principali filoni di ricerca nei quali si articolano i 32 progetti finanziati riguardano tra l'altro la messa a punto di piattaforme per la medicina di precisione, lo sviluppo della genomica delle malattie monogeniche e multifattoriali, le neuroscienze, l'identificazione di nuovi target terapeutici nel neuroblastoma.