Guerra in Ucraina, a Pasqua scatta lo stop alle navi russe nei porti italiani

di Edoardo Cozza

Circolare del comando generale Capitanerie di Porto: recepita direttiva europea dell'8 aprile. Divieto anche per chi ha cambiato bandiera dopo il 24 febbraio

Guerra in Ucraina, a Pasqua scatta lo stop alle navi russe nei porti italiani

Da domani i porti italiani saranno off limits per le navi russe e il divieto varrà anche per le imbarcazioni che hanno cambiato bandiera dopo il 24 febbraio. La misura è contenuta in una circolare del Comando generale delle Capitanerie di Porto che recepisce la direttiva dell'Unione europea dell'8 aprile scorso con la quale sono state introdotte le ulteriori sanzioni nei confronti della Russia. Le navi che si trovano attualmente nei porti italiani, dice la circolare, dovranno lasciarli subito dopo "il completamento delle proprie attività commerciali".

Con il regolamento "Ue 2022/576 dell'8 aprile 2022 - ricorda la circolare - è stato modificato il regolamento Ue 833/2014 'concernente misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina". E, in particolare, è stato inserito l'articolo 3 sexies bis del regolamento Ue che "vieta l'accesso ai porti nazionali alle navi di bandiera russa, dopo il 16 aprile 2022".

"Tale misura - aggiunge la circolare - si applica anche nei confronti delle navi che abbiano cambiato la propria bandiera, da russa a qualsiasi altra nazionalità, dopo il 24 febbraio 2022". Il documento delle Capitanerie di Porto ricorda infine che il divieto - come previsto dal regolamento Ue - non si applica alle navi che hanno bisogno di assistenza o di rifiugio, che richiedono di poter accedere ai porti per motivi di sicurezza marittima o che hanno salvato vite in mare.