Genova, pratiche più svelte per la diga foranea: c'è l'emendamento

di Edoardo Cozza

La burocrazia dovrebbe essere più snella e i lavori potrebbero concludersi entro il 2026, con il grande impatto economico previsto per la città

Genova, pratiche più svelte per la diga foranea: c'è l'emendamento

Un emendamento al decreto legge trasporti, votato alla Camera, farà accelerare le tempistiche di costruzione della diga foranea di Genova. A questo punto l'ottica di concludere i lavori entro il 2026, ovvero l'orizzonte temporale previsto dal Recovery. 

La novità legislativa permette di equiparare i lavori del porto genovese alle opere previste dal Pnrr e, dunque, le pratiche burocratiche saranno più svelte. In tal senso un allarme era stato lanciato dall'onorevole Rixi, che nel corso della tavola rotonda di Telenord 'La portualità italiana: transizione ecologica e digitalizzazione' aveva sottolineato come i tempi previsti (fino a 180 giorni per la Via) fossero inaccettabili. 

Ora questo passaggio parlamentare dovrebbe permettere di abbattere i tempi e dare inizio all'opera che avrà un impatto rilevante sull'economia cittadina, ma anche italiana.